SALUTE

La funzione delle scottature

SALUTE – Estate, tempo di pelli arrossate. Ora i ricercatori dell’Univesità della California di San Diego descrivono su Nature Medicine il processo che porta la nostra pelle a scottarsi se esposta troppo a lungo alla radiazione solare (finora il meccanismo è rimasto oscuro). Secondo Richard Gallo e colleghi nelle cellule dell’epidermide uccise dalla radiazione ultravioletta si trova un messaggero chimico che segnalerebbe all’organismo di inizare una risposta infiammatoria. Si tratta di RNA non codificante “rotto” che le cellule circostanti riconoscono attraverso un recettore che normalmente identifica il DNA dei virus.

I ricercatori hanno coltivato cellule di epidermide umana in vitro e le hanno poi esposte a un dose di luce solare intesa tale da provocare una scottatura. Hanno poi mescolato le cellule morte ad altre cellue in vitro sane osservando che, appunto, il recettore per il DNA dei virus lavorava anche per RNA rotto. A riprova Gallo e colleghi hanno anche utilzzato dei roditori ingenerizzati in cui il recettore era stato spento e li han confrontati con topi normali dopo un esposizione prolungata al sole: i primi avevano meno scottature degli altri.

La risposta infiammatoria del’organismo, spiegano gli autori, è sensata. Serve infatti per più motivi: elimina velocemente le cellule danneggiate per riparare la pelle, cellule che oltrettutto potrebbero diventare cancerogene, e inoltre la scottatura è fastidiosa e spinge gli individui a non esporsi ulteriormente al sole.

Crediti immagine: Pierre Guinoiseau

Federica Sgorbissa
Federica Sgorbissa è laureata in Psicologia con un dottorato in percezione visiva ottenuto all'Università di Trieste. Dopo l'università, ha ottenuto il Master in comunicazione della scienza della SISSA di Trieste. Da qui varie esperienze lavorative, fra le quali addetta all'ufficio comunicazione del science centre Immaginario Scientifico di Trieste e oggi nell'area comunicazione di SISSA Medialab. Come giornalista free lance collabora con alcune testate come Le Scienze e Mente & Cervello.

2 Commenti

  1. Da questa ricerca la grande scoperta dell’acqua calda: bisogna proteggersi dalle radiazioni solari! Le cavie ringraziano!

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: