CULTURALIBRI

LIBRI – La matematica dei social network

[gigya id=”preziEmbed_d7xfnsjnms8z” name=”preziEmbed_d7xfnsjnms8z” src=”http://prezi.com/bin/preziloader.swf” type=”application/x-shockwave-flash” allowfullscreen=”true” allowFullScreenInteractive=”true” allowscriptaccess=”always” width=”550″ height=”400″ bgcolor=”#ffffff” flashvars=”prezi_id=d7xfnsjnms8z&lock_to_path=0&color=ffffff&autoplay=no&autohide_ctrls=0″]

LIBRI – Hanno pian piano invaso molti settori della matematica e ormai ne siamo circondati: stiamo parlando delle reti.

È un argomento di cui ultimamente si parla molto perché dagli antichi alberi genealogici al World Wide Web, dal sudoku fino al problema di strutturare i percorsi migliori per un’azienda di trasporti o di regolare il traffico, le reti sono uno strumento fondamentale nella nostra vita di tutti i giorni.

Con più di 955 milioni di utenti attivi iscritti su Facebook e i 500 milioni di Twitter, un libro dal titolo “La matematica dei social network” potrebbe attirare lʼattenzione. Ma attenti, non si parla di Facebook e Twitter ma di reti sociali, “social network” appunto, in senso più ampio.

Le reti sono state studiate per secoli dal punto di vista matematico tanto che il primo problema risolto utilizzando le reti risale al XVIII secolo. In confronto ai grandi temi come lʼanalisi o la geometria però, venivano spesso considerate di minor interesse, alla stregua di giochi e rompicapi.

La loro importanza è cresciuta in modo esponenziale solo in tempi recenti: se in passato erano sottovalutate per la loro struttura non ben definita, oggi è proprio questa struttura che permette di analizzare problemi molto complessi. Ormai sono diventate fondamentali e importanti in molti settori della matematica e vengono utilizzate anche nel campo delle scienze politiche e sociali, ad esempio per lo studio delle reti di organizzazioni internazionali di vario genere, di tipo giuridico, culturale, diplomatico, scientifico, commerciale o sportivo.

Ricco di spunti e leggero nello stile di scrittura, il libro di Peter M. Higgins, matematico e docente di matematica presso lʼUniversità dellʼEssex , risulta comunque complesso e presenta una grande varietà di esempi e di problemi.

Senza dedicarsi approfonditamente alle più recenti applicazioni della teoria delle reti, o teoria dei grafi, il libro di Higgins parte dalle definizioni di base, accompagna il lettore attraverso idee e applicazioni elementari fino ad argomenti complessi e a un capitolo finale dedicato a veri “intenditori”. Non quindi per stomaci deboli, il libro è adatto a chi si interessa di matematica e ha un poʼ di dimestichezza con le dimostrazioni e la logica.

Livia Marin
Dopo la laurea in fisica presso lʼUniversità di Trieste ho ottenuto il Master in Comunicazione della Scienza della SISSA. Sono direttrice responsabile di OggiScienza dal 2014 e, oltre al giornalismo, mi occupo di editoria scolastica.

2 Commenti

  1. Forse per questioni di età, una presentazione siffatta mi lascia confuso e felice. Confuso per la fatica di seguire con gli occhi così tanti mutamenti di prospettiva, felice perché la recensione mi invoglia alla lettura del libro.

  2. L’ha ribloggato su cixiribirdie ha commentato:
    Forse non ne siamo consapevoli ma siamo circondati da reti: La matematica dei social network. Una introduzione alla teoria dei grafi
    La seconda parte del titolo potrebbe spaventare, ma capire come arrivare da Eulero ai social network è una motivazione niente male

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: