CRONACAULISSE

Sperimentazione animale: due bocciature per il decreto di recepimento della direttiva europea

Lab_animal_careCRONACA – Per la Commissione Affari sociali della Camera è no: lo schema di decreto che dovrebbe recepire la direttiva dell’Unione europea sulla protezione degli animali usati a fini scientifici non va bene. Con un parere ufficiale emesso il 5 febbraio scorso, la Commissione ha dunque bocciato il decreto. Il problema sono le restrizioni in più che la normativa italiana introduce rispetto a quella europea e che riguardano in particolare il divieto di utilizzo di animali per xenotrapianti (trapianti di organi e tessuti tra specie diverse, una pratica utilizzata per la ricerca sui tumori o su farmaci antirigetto) e per indagini su sostanze d’abuso, le limitazioni previste per l’uso di animali geneticamente modificati e il divieto di allevamento in Italia di cani, gatti e primati non umani destinati alla sperimentazione.

Diverse le cose che, secondo la Commissione, proprio non vanno. A partire dal fatto che la stessa direttiva europea (emanata già nel 2010 con l’obiettivo di armonizzare le varie legislazioni nazionali) non prevede che i singoli stati possano introdurre misure più rigorose di quelle in essa contenuta. Dunque se approviamo qualcosa di più restrittivo, finiamo in infrazione. Ma non è solo questione normativa. Il parere della Commissione sottolinea che stiamo parlando di “argomenti nodali per la ricerca”. E che le limitazioni previste dal nostro schema di decreto condizionano fortemente la possibilità per gli istituti di ricerca italiani di partecipare a progetti internazionali, “con evidenti conseguenze sia sulla credibilità che sullo sviluppo delle ricerca italiana”. Non fosse chiaro, significa che con questi limiti ad andarci di mezzo sarebbe tutta la nostra ricerca biomedica.

Ora la discussione torna alla Camera, ma intanto c’è da ricordare che nei giorni scorsi c’è stata anche un’altra bocciatura dello schema di decreto, questa volta da parte del Comitato nazionale di bioetica, interpellato sulla questione dalla senatrice Elena Cattaneo. Dopo aver ribadito la centralità della sperimentazione animale quale “metodo conoscitivo per studiare gli organismi viventi”, aver ricordato il ruolo storico dei test sugli animali nella messa a punto di innovazioni biomediche basilari e aver puntualizzato che gli animali andrebbero utilizzati sono in casi giustificati e scientificamente rilevanti, il Cnb ha sottolineato che alcune delle restrizioni previste dal testo sarebbero bioeticamente discutibili.

Viene dunque ribadita l’utilità della sperimentazione su xenotrapianti e su sostanze d’abuso (“in particolare oggi – si legge nel documento – a fronte della diffusione di nuove droghe vendute anche su internet i cui effetti sull’uomo sono ancora sconosciuti”). E ancora: il divieto di allevamento di alcuni animali nel nostro paese ostacolerebbe la ricerca italiana nel quadro della ricerca europea, oltre a comportare disagi per gli animali stessi, che verrebbero importati dall’estero. Per queste ragioni, il comitato raccomanda di procedere “rapidamente” al recepimento della direttiva europea tal quale, “senza creare condizioni per una marginalizzazione del sistema di ricerca italiano, già fragile”.

Immagine: USDA, Wikimedia Commons

Valentina Murelli
Giornalista scientifica, science writer, editor freelance

4 Commenti

  1. Certo..la Cattaneo, Garattini e company sono proprio oggettivi..non fondano le loro carriere sulla sa…proprio no…
    tanto per cambiare abbasso la democrazia, abbasso l’oggettività,abbasso la possibilità di scegliere una scienza più moderna e meritocratica..grazie alla sa si continuerà a sprecare tempo e soldi..
    che tristezza
    ..e a noi malati antisa neanche il diritto di scegliere.
    tanto per la cronaca:
    IL FAMOSO studio del 2003, “Translation of highly promising basic science research into clinical applications”.CHE descrive una ricerca algoritmica al computer di tutti gli articoli di ricerca di base pubblicati in sei delle principali riviste scientifiche (Nature, Cell, Science, Journal of Biological Chemistry, Journal of Clinical Investigation, Journal Experimental Medicine) dal 1979 al 1983. Dei 25.190 articoli 101 (0,4%) avevano qualche pretesa di potenziale applicazione agli umani, 27 hanno portato a una prova clinica, solo 5 hanno passato i trial clinici e solamente 1 (0,004%) ha condotto allo sviluppo di una classe di farmaci clinicamente utili (gli inibitori dell’enzima convertitore dell’angiotensina) ,E QUESTO UNICO, TRA L’ALTRO SVILUPPATO SENZA USO DI ANIMALI !..ma viva Garattini e la Cattaneo e le loro super carriere!

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: