CULTURA

Il Nobel per la letteratura a Modiano, un’occasione inaspettata

BzgH9nEIQAAO02lCULTURA – In queste ore i motori di ricerca probabilmente stanno impazzendo alla voce “Modiano”, un Premio Nobel inaspettato anche di tra gli addetti ai lavori. Molti si aspettavano Murakami o Roth, ma invece a ricevere il prestigioso Premio Nobel per la letteratura è stato Patrick Modiano, scrittore francese, molto conosciuto al di là delle Alpi, nato nell’estate del 1945, mentre la Francia come il resto d’Europa cominciava a leccarsi le ferite della guerra. Forse non è una coincidenza quella di essere un figlio del conflitto, di una guerra che sarà la vera Etoile dei romanzi di Modiano. La ragione del conferimento del Nobel è infatti – si legge – “l’arte della memoria con cui ha evocato i destini umani più inafferrabili e disvelato la vita umana durante l’occupazione.”

Molti si staranno affannando per accaparrarsi una copia della sua opera omnia, ma senza successo. Sì perché perché solo alcune delle opere di Modiano sono tradotte in italiano, precisamente da Guanda, che ha tradotto il romanzo Dora Bruder, e da Einaudi, a cui invece si debbono le traduzioni di Sconosciute, Bijou, Un pedigree, Nel caffè della gioventù perduta e L’orizzonte.

Durante la guerra i Modiano non erano infatti una famiglia francese qualsiasi, erano ebrei, destino che pervaderà tutta l’opera di Modiano, a partire da La place de l’Etoile pubblicato nel 1968 che gli valse il premio Roger-Nimier e il premio Fenenon, che insieme al Premio Goncourt nel 1978 per il romanzo Rue des boutiques obscures, sono gli unici premi vinti dallo scrittore prima dell’inaspettato Nobel.

Scorrendo le trame dei suoi romanzi però si scopre che Modiano non è solo sinonimo di Seconda Guerra Mondiale, di terrore, di morte e paura. Un po’ come accadeva per la tragedia Greca, è la scena a rimanere la stessa: la Francia. La Parigi occupata dai Nazisti, ma anche la Parigi “segreta e misteriosa del IX e X arrondissement” come si legge nella presentazione che fa Einaudi dell’ultimo libro di Modiano edito in Italia nel 2012: l’Orizzonte. La storia noir di una giovane donna che fugge da un uomo che dice di amarla, tra le strade di Parigi e tra gli anfratti del tempo che passa.

Insomma, sì Modiano è stata una scelta inaspettata, ma forse per i lettori, soprattutto per noi italiani così poco avvezzi ad accostarci ad autori non ancora tradotti in italiano, può essere l’occasione per scoprire un pezzo di letteratura che probabilmente non avremmo mai incontrato.

Pubblicato con licenza Creative Commons Attribuzione-Non opere derivate 2.5 Italia.   

Cristina Da Rold
Giornalista freelance e consulente nell'ambito della comunicazione digitale. Soprattutto in rete e soprattutto data-driven. Lavoro per la maggior parte su temi legati a salute, sanità, epidemiologia con particolare attenzione ai determinanti sociali della salute, alla prevenzione e al mancato accesso alle cure. Dal 2015 sono consulente social media per l'Ufficio italiano dell'Organizzazione Mondiale della Sanità. Il mio blog: www.cristinadarold.com Twitter: @CristinaDaRold

3 Commenti

  1. > Molti si staranno affannando per accaparrarsi una copia della sua opera omnia, ma senza successo

    Non ci vorrà molto. Secondo il mio libraio di fiducia in un paio di settimane le librerie saranno inondate dei volumi di Modiano. Speriamo solo che di quelli non ancora disponibili in italiano non si faccia una traduzione raffazzonata per fare in fretta…

Rispondi

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: