ricercaULISSE

Dessert comune, mezza colpa

Non ci piace il senso di colpa ma ci piace condividerlo, come il dessert alla fine di una cena

88487835_369974fc09_zRICERCA – Nessuno di noi ama essere forzato a fare qualcosa. Non ci piace che siano gli altri a dirci cosa fare, vogliamo avere la libertà di decidere per noi stessi. Però, quando si parla di senso di colpa, quello sì che ci piace condividerlo. È così che, se siamo a cena con un’amico e lui insiste per prendere un dessert da condividere, ci facciamo convincere con piacere e ci sentiamo meno in colpa.

Stando a una ricerca pubblicata sul Journal of Consumer Reserch, il consumatore è più felice quando è qualcun altro a decidere che può lasciarsi andare in piaceri che normalmente lo farebbero sentire colpevole.
In uno degli esperimenti condotti dal team di Fangyuan Chen e Jadeep Sengupta, dell’Università di Hong Kong, a un gruppo di consumatori è stato chiesto di leggere un libro. A disposizione dei soggetti vi erano un libro educativo e uno divertente: alcuni potevano scegliere mentre ad altri veniva consegnato un libro e non avevano scelta.

I ricercatori hanno osservato che i lettori che avevano il libro educativo sperimentavano le stesse sensazioni (riguardo a colpa, piacevolezza, creatività) sia che fossero loro ad aver scelto il libro, sia che invece facessero parte del gruppo al quale il libro era stato semplicemente consegnato.
Al contrario i lettori che avevano il libro divertente perché gli era stato dato mostravano più alti livelli di vitalità e creatività e bassi livelli di colpa rispetto a quelli che il libro divertente lo avevano scelto liberamente. Non essere responsabili ci fa sentire la coscienza più pulita.

Pubblicato con licenza Creative Commons Attribuzione-Non opere derivate 2.5 Italia.   
Crediti immagine: Chewy Chua, Flickr

1 Commento

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: