HIV e AIDS: la situazione è peggiorata

Oggi è la giornata mondiale per la lotta contro l'AIDS, ma l'Europa ancora arranca

6813314147_9dca299253_z
CRONACA – L’HIV è un esempio lampante di un virus la cui trasmissione potrebbe essere rallentata da misure preventive mirate, ma che ancora oggi, dopo più di 30 anni, l’Europa non sa debellare. Anzi, la situazione sta peggiorando, dato che nel 2014 abbiamo avuto il più alto numero di nuove infezioni dagli anni Ottanta. Questo è il triste dato che dobbiamo registrare nella giornata mondiale dedicata all’AIDS.

Lo racconta un report curato dall’ECDC e dall’OMS, secondo cui nel 2014 si sono contate 142 mila nuove diagnosi di HIV in 50 paesi europei: 16 diagnosi ogni 100 mila persone. Di esse, 56.944 sono quelle ufficialmente registrate dai sistemi di sorveglianza ufficiali degli uffici europei di ECDC-WHO. Se 142 mila in tutta Europa diagnosi sembrano poche pensiamo che sarebbe come averne 60 nuove all’anno in una città di media grandezza come Bologna o Firenze.

Schermata 2015-11-30 alle 16.54.13

Clicca sull’immagine per accedere all’infografica interattiva

Eccezioni a parte, negli ultimi 10 anni l’Europa non è stata in grado di arginare il problema. Nel 2005 si registravano complessivamente 47.423 nuove diagnosi di HIV, di cui 16.397 donne, mentre nel 2014 il numero è salito appunto 56.944, di cui 17.587 donne. Si conferma dunque il trend registrato dall’ISS: ad aumentare in Europa sono stati principalmente i contagi fra uomini, mentre nell’area orientale il virus si è trasmesso principalmente con rapporti di natura eterosessuale.

Schermata 2015-11-30 alle 16.55.16

Clicca sull’immagine per accedere all’infografica interattiva

Italia meglio della media europea

In Italia in realtà le cose vanno meglio rispetto alla media europea, con 6,1 nuovi casi di sieropositività ogni 100 mila residenti, secondo i dati pubblicati in questi giorni dal Centro Operativo Aids (COA) dell’Istituto Superiore di Sanità. I dati ECDC parlano invece di 6,4 su 100 mila residenti, in linea con la media dell’Unione Europea. Se consideriamo i 25-29 enni si sale però a 15,6 nuovi casi su 100.000. Nel complesso, nel 2014 in Italia sono state notificate 3.695 nuove diagnosi di infezione da HIV, un numero che non mostra alcun incremento rispetto agli anni precedenti, tanto che in un’ipotetica classifica siamo al 12° posto nell’Unione Europea.
Se osserviamo ancora i dati ECDC, vediamo però che in Italia abbiamo fra le percentuali più basse di nuove diagnosi di HIV fra i giovani (15-24 anni): l’8%, ben al di sotto della media europea.

Schermata 2015-11-30 alle 16.56.38

Clicca sull’immagine per accedere all’infigrafica interattiva

2 diagnosi su 3 sono di italiani

Solo il 27,1% delle nuove diagnosi di infezione da HIV in Italia riguarda cittadini stranieri, mentre il restante 72,9% è composto da italiani, per la maggior parte contagiati tramite rapporti eterosessuali. 8 su 10 poi sono uomini, con un’età media di 39 anni, contro i 36 anni medi per le femmine. Sono in aumento le nuove diagnosi fra maschi omosessuali (il termine tecnico utilizzato è MSM, cioè Maschi che fanno Sesso con Maschi a prescindere dall’identità sessuale): dal gennaio 2010 al gennaio 2014 si è passati da 1267 a 1513 nuove diagnosi.

Fra gli stranieri, sono le donne ad essere più infettate

Questo in numero assoluto, ma se osserviamo i tassi di incidenza dei nuovi casi di HIV fra il gruppo degli stranieri residenti e fra gli italiani, sempre su dati del COA, notiamo che sono i primi a mostrare percentuali più elevate: 19,2 nuovi casi su 100 mila stranieri residenti contro i 4,7 casi fra italiani residenti. C’è poi un’altra differenza, dalle ragioni facilmente e tristemente intuibili: fra la popolazione straniera residente la quota maggiore di casi è costituita da eterosessuali femmine (36,0%).

Schermata 2015-11-30 alle 16.57.37

Clicca sull’immagine per accedere all’infografica interattiva

AIDS: sempre più persone non sanno di essere sieropositive

Non dobbiamo confondere l’infezione da HIV, che è il virus, con l’ammalarsi di AIDS, che è la patologia. Rispetto ai nuovi casi di sieropositività, quelli di AIDS sono molti di meno, 858 nel 2014, che significa 1,4 nuove diagnosi per 100 mila residenti, una percentuale stabile rispetto ai 3 anni precedenti.

Il problema è che la maggior parte di chi scopre di avere l’AIDS non sapeva di essere sieropositivo fino a quel momento, ben il 71,5% delle nuove diagnosi. Nel 2006 solo il 20% delle nuovi diagnosi di AIDS era ignaro di avere l’HIV. Oggi in Italia, 9 sieropositivi su 10 sono seguiti presso i centri clinici di malattie infettive; di queste, il 92,6% è in terapia antiretrovirale, e di quest’ultime, l’85,4% ha raggiunto la soppressione virale.

@CristinaDaRold

Leggi anche: Più sport per vivere meglio con l’HIV

Pubblicato con licenza Creative Commons Attribuzione-Non opere derivate 2.5 Italia.   
Crediti immagine: NIAID, Flickr

Informazioni su Cristina Da Rold (427 Articles)
Freelance (data) journalist and scientific communicator

2 Commenti su HIV e AIDS: la situazione è peggiorata

  1. Cristina Da Rold // 1 dicembre 2015 alle 11:18 // Rispondi

    L’ha ribloggato su Cristina Da Rold.

2 Trackbacks / Pingbacks

  1. Come una proteina aiuta i primati a combattere l’HIV – OggiScienza
  2. PrEP e PEP: la prevenzione come risorsa chiave per ridurre il contagio da HIV – OggiScienza

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: