Trivelle alle Tremiti: il referendum si farà

La Corte Costituzionale ha stabilito che sarà la popolazione italiana a decidere se lo sfruttamento di giacimenti petroliferi in Adriatico sia necessario all'economia del paese

DSC_0001_2

AMBIENTE – È la rivincita delle Regioni sul Governo. Ma è soprattutto una pietra miliare nella storia delle democrazia partecipativa italiana su un macrotema importante come quello ambientale. Cantano vittoria le associazioni ambientaliste (il coordinamento NoTriv in testa), come anche i presidenti di cinque regioni del Sud (Basilicata, Calabria, Campania, Molise e Puglia; l’Abruzzo aveva aderito all’iniziativa in un primo momento, salvo ritirarsi in seguito) che, trovando alleati nelle Marche, nel Veneto e nella Liguria, potranno sottomettere al voto popolare la spinosa questione delle trivellazioni petrolifere nei dintorni delle Isole Tremiti, in provincia di Foggia. Questione, quella delle ricerche petrolifere, nata dall’assegnazione, da parte del Ministero dello Sviluppo Economico, di una concessione di 373 km2 all’irlandese Petroceltic, a fine dicembre scorso, e che aveva mandato su tutte le furie il presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano.

Il quesito ammesso dalla Corte Costituzionale riguarda la durata delle autorizzazioni d’esplorazione e trivellazione dei giacimenti, già rilasciate dal governo e che, attualmente, prevede che la concessione duri per tutta la ‘vita utile’ del giacimento, cioè fino a esaurimento commerciale dello stesso.

Difficile che il Governo non si adoperi per salvare il salvabile, creando una norma che scongiuri il referendum stesso. Comunque vadano le cose, il risultato ottenuto dalle Regioni rappresenta un passo in avanti verso una nuova concezione del ruolo dei cittadini nei processi decisionali relativi all’ambiente. Spesso infatti, e non solo in Italia, le decisioni relative all’installazione di attività industriali sul territorio nazionale – in particolar modo quelle relative alla produzione energetica, vista come una condizione imprescindibile per un maggiore benessere economico del paese – vengono prese dal governo centrale, bypassando le autorità comunali e regionali.

Per quanto questa procedura porti sicuramente a una maggiore rapidità esecutiva (per dirne una, il presidente dell’ENI degli anni ’50, Enrico Mattei, preferiva che i lavori per la costruzione di nuovi gasdotti in comunità ‘problematiche’ fossero condotti nottetempo, in modo da mettere le popolazioni locali di fronte al fatto compiuto), lascia ovviamente molto a desiderare dal punto di vista democratico. Oltre ad avere un evidente corollario negativo dal punto di vista dell’ordine pubblico, come in passato hanno dimostrato altre vicende eminentemente socio-tecniche, come quelle del termovalorizzatore di Acerra, in Campania, dell’interramento di scorie radioattive in Basilicata, o dei lavori per la linea di alta velocità in Val di Susa.

La proposta di referendum da parte delle dieci Regioni rappresenta in realtà molto di più di uno scontro istituzionale tra due livelli decisionali. Rappresenta una differenza critica di visioni del futuro di un territorio: da una parte quella del Governo, tesa a privilegiare lo sviluppo industriale e il tornaconto economico dello Stato. Dall’altra, quella delle Regioni – in particolare, nel caso delle Tremiti, della Regione Puglia – tesa a preservare un patrimonio naturale che verrebbe alterato drasticamente dall’installazione delle piattaforme di trivellazione (è da notare, in proposito, che era intenzione del Governo permettere le trivellazioni anche entro le 12 miglia nautiche dalla costa: proposito poi abbandonato proprio in seguito alla presentazione dei quesiti referendari).

In molti vedranno nel referendum la manifestazione di un effetto Nimby (Not in my backyard, ‘Non nel mio cortile’), cioè una preoccupazione di stampo locale, miope rispetto al bene di tutto uno Stato. Ma si può parlare di Nimby in una situazione in cui metà delle regioni italiane si schierano per la preservazione di un territorio? Se, in pratica, il proprio cortile diventa la metà del paese, sarebbe invece più costruttivo abbandonare analisi colpevolizzanti, e cercare di comprendere le motivazioni reali, propositive, della scelta referendaria.

Leggi anche: Convertire l’automobile a combustione in auto elettrica: il decreto c’è

Pubblicato con licenza Creative Commons Attribuzione-Non opere derivate 2.5 Italia.   
Crediti immagine: Roberto Cantoni

Informazioni su Roberto Cantoni (127 Articles)
Storico e sociologo della tecnologia. Lavoro attualmente a Parigi, presso il LATTS, laboratorio affiliato all'Ecole des Ponts ParisTech. M'interesso di STS, tecnoscienza, diplomazia scientifica, sociologia dell'ambiente. In particolare, studio la geopolitica e gli aspetti ambientali e sociali legati allo sviluppo dello shale gas

3 Commenti su Trivelle alle Tremiti: il referendum si farà

  1. Carlo Pezzoli // 21 gennaio 2016 alle 10:59 // Rispondi

    Bella l’idea di lasciare agli altri l’onere della presenza sul territorio di centrali nucleari e termoelettriche. Anche i pozzi di petrolio è bene che stiano alla larga. L’energia è meglio che la importiamo dall’estero. L’Italia è il giardino d’Europa e dobbiamo conservarlo per i turisti, fonte alternativa di reddito, anzi è meglio che se ne stiano a casa loro perché le orde di buzzurri che vengono a fotografarci come retaggi di civiltà passate, deturpano anche loro il territorio e incrementano la necessità di nuove strade e di nuovi insediamenti, che alterano il fragile equilibrio dell’ambiente. Meglio accogliere a braccia aperte i migranti, che lavorano per pochi soldi, si accontentano di vivere nelle baracche e ci fanno rivivere i tempi beati, quando anche noi eravamo a contatto con quella natura di cui siamo figli e dalla quale ci hanno allontanato i falsi miti del progresso, fonte di ogni nostra disgrazia. Amen.

  2. Su quali siano le priorità per l’economia italiana, si può ovviamente essere in disaccordo, così come si può essere in disaccordo sul settore da privilegiare, e sulla misura in cui vada privilegiato. Su questi punti si confrontano varie ideologie: ai due estremi dello spettro, un’ideologia ‘sviluppista’, alla quale si potrebbero riportare le sue obiezioni, e una ecologista, che è quella espressa, nel caso particolare, dal governatore Emiliano. Quanto al concetto di progresso, è la parola polisemica per eccellenza. Tutti vogliono il progresso, ma è difficile trovare due persone che siano d’accordo su cosa questo sia. Per alcuni, il progresso è privilegiare gli aspetti di difesa del territorio naturale, se l’attività industriale può metterlo in pericolo. Per altri, lo è privilegiare l’apporto economico dell’attività industriale sulle problematiche ambientali. Detto questo, vorrei ricordare che l’Italia, in quanto parte della UE, si è impegnata a ridurre l’impiego di energie fossili e a incrementare quello di fonti d’energia rinnovabili. Difficile pensare che l’inaugurazione di una stagione di trivellazioni petrolifere vada nella direzione indicata dalla UE.

1 Trackback / Pingback

  1. Festival di Sanremo, tra musica e acqua in bottiglia – OggiScienza

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Segui assieme ad altri 1.453 follower

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: