L’impronta umana pesa sui Paesi in via di sviluppo

Aggiornata la mappa dell'impronta umana sull'ambiente: l'attenzione deve restare alta nelle aree ad alta biodiversità e nei Paesi con un reddito pro capite medio-basso.

Log-barge-Borneo_s-CREDIT-Oscar-Venter

Soltanto il 3% delle aree del pianeta ad alta biodiversità è attualmente esente dalla pressione delle attività umane. Un carico di legname nel Borneo. Crediti immagine: Oscar Venter

AMBIENTE – Ogni specie animale o vegetale esistita ha lasciato tracce del suo passaggio sul pianeta, ma l’impronta umana è forse l’unica ad aver avuto una capacità distruttiva sugli ecosistemi e la biodiversità. Uno studio pubblicato su Nature Communications dimostra che l’impronta ecologica umana non è cresciuta più rapidamente dell’aumento di popolazione, nel periodo compreso tra il 1992 e il 2009. Lo human footprint è però pesato maggiormente negli ambienti caratterizzati da un più alto livello di biodiversità e nei Paesi dove il reddito pro capite è medio-basso.

Come precisa il World Wild Life, ogni azione quotidiana effettuata dagli esseri umani ha un prezzo per il pianeta. Un prezzo che non si esprime però in denaro, ma in termini di risorse naturali necessarie per espletare una determinata azione. Questo debito con la Terra si esprime attraverso sei parametri principali:

  • La misura di emissioni di carbonio, calcolata nei termini di quantità di territorio forestale necessario per assorbire una data quantità di anidride carbonica. Da questo calcolo viene esclusa la quantità di diossido di carbonio assorbito dagli oceani e che contribuisce ad accelerarne il processo di acidificazione.
  • La quantità di terreno agricolo necessaria per coltivare le piante utili all’alimentazione, le fibre, la zootecnia, la produzione di materiali quali gomma, soia e l’estrazione di petrolio.
  • La quantità di pascoli necessaria per la produzione di carne, prodotti caseari, pellame e lana.
  • La quantità di foresta necessaria per la produzione di legname.
  • Le zone di pesca, calcolate nei termini della produzione primaria di pesce e frutti di mare pescati in acqua dolce e marina.
  • La quantità di suolo occupata da costruzioni  e strutture umane, comprese  le vie di comunicazione e i trasporti , le abitazioni, le strutture industriali e  i bacini creati dalle dighe.

 

L’impronta ecologica era stata inizialmente misurata e mappata grazie ai dati disponibili dal 1990 in poi, ma da allora la popolazione mondiale è aumentata drasticamente e l’economia è profondamente cambiata.

In questo studio, Oscar Venter e colleghi sono ricorsi a una serie di dataset relativi a diverse tipologie di impatto umano, come  la quantità di superfici costruite, le reti stradali, le colture e pascoli, la presenza e la densità di luci notturne,  la crescita e la densità di popolazione umana. L’obiettivo era generare una nuova mappa dell’impatto umano sul pianeta, che mettesse in luce anche la variazione di impronta in un intervallo lungo 17 anni.

In questo lasso di tempo, tra il 1992 e il 2009,  l’impronta umana è cresciuta mediamente del 9% contro un aumento della popolazione mondiale pari al 23% e una crescita economica pari al 153%. Il 75% del pianeta sta attualmente subendo forti pressioni derivanti dall’impronta umana, che rischiano di compromettere irrimediabilmente  habitat, specie e patrimoni naturali. Anche se è molto difficile immaginare che possano esistere luoghi sulla Terra dove l’impatto dell’impronta umana tende a diminuire e non ad aumentare, è pur vero che il tasso di incremento dello human footprint è stato inferiore nei Paesi con un’economia più forte e con politiche anti-corruzione efficaci. Questo dato va però letto in maniera critica, come suggeriscono gli autori: la situazione incoraggiante dei Paesi caratterizzati da una ricchezza maggiore deriva da policy governative adeguate, o dal possibile spostamento della propria domanda in altri Paesi? Un esempio calzante, infatti, deriva dall’Amazzonia: il 40% della carne qui prodotta viene esportata per il consumo europeo.

cambiamento impronta umana

La mappa mostra il cambiamento nell’impronta umana in diverse ecoregioni dal 1993 al 2009. Crediti immagine: Venter et al., Nature Communications

Sono le regioni caratterizzate dalla presenza di diverse specie in via di estinzione ad aver subito il maggiore incremento della pressione umana sull’ambiente. Tra queste, esistono rare eccezioni, come i deserti dell’Asia centrale e il Borneo centrale. Nonostante esistano luoghi dove l’impronta umana è effettivamente diminuita nel periodo di tempo considerato dallo studio, gli autori evidenziano come il futuro costituisca una sfida senza precedenti, a causa del delicato equilibrio tra esigenze ambientali e sociali che dovrà necessariamente essere trovato.

impronta umana alta biodiversità

Nella mappa è indicata l’intensità dell’impronta umana negli hotspot di biodiversità. Crediti immagine: Venter et al., Nature Communications

Alcune decisioni, sottolinea il gruppo di ricerca, devono essere prese ora, prima che sia troppo tardi: secondo i dati presentati dagli autori, infatti, solo il 3% delle aree ad alta biodiversità sarebbe attualmente esente da pressioni umane.

I dati positivi derivano dal fatto che molti Paesi caratterizzati da un’economia forte, dove – come spiegato – l’incremento dell’impronta umana è stato minore che altrove, esportano i propri prodotti agricoli e forestali. In questo modo, le nazioni evitano di esportare la propria domanda a danno dei Paesi in via di sviluppo. Ci sono però alcuni fattori su cui i ricercatori pongono l’accento: lo studio non ha tenuto conto, per esempio, delle esportazioni relative alla domanda energetica e mineraria, che pesano notevolmente sull’ambiente. Inoltre, i ricercatori non hanno potuto tener conto dell’effetto cumulativo dell’impronta umana: esiste una soglia, infatti, oltre la quale si potrebbero verificare effetti accelerati e non prevedibili.

L’auspicio dei ricercatori è che, dati alla mano, questa nuova mappa possa fornire uno strumento utile ai governi, per adottare strategie ambientali consone e dirette alla conservazione della biodiversità.

Leggi anche: La biopirateria: il caso ecuadoriano

Pubblicato con licenza Creative Commons Attribuzione-Non opere derivate 2.5 Italia.

Informazioni su Sara Moraca ()
Dopo una prima laurea in comunicazione e una seconda in biologia, ho frequentato il Master in Comunicazione della Scienza della Sissa di Trieste. Da oltre dieci anni mi occupo di scrittura: prima come autore per Treccani e De Agostini, ora come giornalista per testate come Wired, National Geographic, Oggi Scienza, La Stampa.

2 Commenti su L’impronta umana pesa sui Paesi in via di sviluppo

  1. Rinaldo Sorgenti // 24 agosto 2016 alle 14:40 // Rispondi

    Leggendo interpretazioni come quelle suggerite dal wwf, viene da domandarsi del perché il buon Dio abbia speso inutilmente così tante risorse per renderle disponibili alle Sue creature (tra cui, pare, il terribile uomo!

    Ma cosa vorrebbero costoro, evitare che tanta magnificenza rimanesse inespressa ed inutilizzata, visto peraltro che il sistema per molti aspetti è … rinnovabile?

    E’ evidente che per migliorare la situazione sia auspicabile un miglioramento delle condizioni di vita di quel terzo della popolazione mondiale che vive davvero ancora in condizioni miserevoli e per farlo occorre portare loro le tecnologie e l’energia che ha consentito ai Paesi oggi avanzati di uscire da tale simile situazione.
    Questo si è un impegno etico e morale, altro che demagogia.

    Povero mondo!

1 Trackback / Pingback

  1. Paola Muraro: ecco quanto emerso dalla commissione ecomafie – OggiScienza

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: