ATTUALITÀ

Finalmente arriva Florence

Florence è l'asteroide più grande a passare così vicino al nostro pianeta da quando è iniziato il programma di monitoraggio e tracciamento dei NEO.

Questo di settembre è il passaggio più ravvicinato dell’asteroide dal 1890 e lo rimarrà fino a dopo il 2500. Crediti immagini: NASA/JPL-Caltech

ATTUALITÀ – Stanotte, tra il 31 agosto e il primo settembre, l’asteroide Florence passerà vicino alla Terra. Non preoccupatevi, nonostante le sue ragguardevoli dimensioni passerà a una distanza di circa sette milioni di chilometri da noi e non rappresenta un pericolo. Altri asteroidi sono passati più vicini al nostro pianeta ma questo, con il suo diametro di circa 4,3 chilometri, è il più grande in assoluto.

Il suo nome è 3122 Florence, scoperto nel 1981 e intitolato a Florence Nightingale, la donna che viene considerata la fondatrice della moderna infermieristica e famosa come “lady with the lamp” durante la guerra di Crimea britannica. È uno dei cosiddetti NEO, Near Earth Objects, ovvero oggetti del Sistema Solare, come asteroidi, comete, sonde o meteoriti di una certa dimensione, la cui orbita può potenzialmente intersecare quella della Terra.

Questo di settembre è il passaggio più ravvicinato dell’asteroide dal 1890 e lo rimarrà fino a dopo il 2500. L’asteroide si sta spostando verso nord: transiterà, tra le altre, tra le costellazioni del Capricorno, Acquario, Delfino, Freccia e Cigno e tutti gli appassionati lo potranno osservare muniti di binocolo o telescopio.

Il passaggio dell’asteroide a una distanza così ravvicinata rappresenta un’occasione unica per gli scienziati. La NASA, infatti, ha già organizzato l’osservazione dell’asteroide con il radar Goldstone Solar System Radar in California e a Puerto Rico. Le immagini ricavate dovrebbero mostrarci sia le reali dimensioni di Florence sia la sua superficie fino a un dettaglio di 10 metri.

Non è l’unico appuntamento del genere quest’anno. L’asteroide 2012 TC4, infatti, che si avvicinerà alla Terra il prossimo ottobre.

Leggi anche: Due anni di oscurità: così l’asteroide ha sterminato i dinosauri

Pubblicato con licenza Creative Commons Attribuzione-Non opere derivate 2.5 Italia.   

Livia Marin
Dopo la laurea in fisica presso lʼUniversità di Trieste ho ottenuto il Master in Comunicazione della Scienza della SISSA. Sono direttrice responsabile di OggiScienza dal 2014 e, oltre al giornalismo, mi occupo di editoria scolastica.

1 Commento

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: