LIBRI – Vaccinamiamoli!

Un libro ricco scritto con linguaggio semplice, per affrontare tutti gli aspetti salienti dell'annosa questione dei vaccini. Mettendosi nei panni dei genitori dubbiosi

CULTURA – Leggendo Vaccinamiamoli, di Tommaso Montini, appena uscito per Il Pensiero Scientifico Editore, si ha l’impressione di essere davanti a un libro per ragazzi, che è senza dubbio uno dei suoi principali punto di forza, dal momento che spesso i libri per ragazzi sono i migliori in termini di chiarezza, concisione e incisività. Un libro ricco, ma che utilizza un linguaggio semplice, che non parla mai in “medichese”, e che affronta paragrafo dopo paragrafo tutti gli aspetti salienti dell’annosa questione dei vaccini cercando di mettersi nei panni di chi ha dei dubbi.

Argomentazioni suddivise in ottimi paragrafi, che rendono la consultazione molto rapida, qualora fossimo in preda a una specifica domanda, come per esempio “dottore, è vero che per vaccinarsi bisogna stare benissimo? E se il mio bambino si stente poco bene quel giorno che cosa faccio?”. E soprattutto utilizzando la strategia felice di parlare di un vaccino alla volta, non in generale di “vaccinazioni”. Ogni vaccinazione infatti è diversa dalle altre, per composizione e possibili – rarissimi – effetti collaterali ed è onesto nei confronti di chi nutre dei dubbi circa la loro efficacia, argomentare punto per punto, come fa molto bene l’autore, che prima di tutto è un pediatra.

Tommaso Montini è da trent’anni un medico di famiglia, che ha potuto toccare personalmente con mano che cosa significa vaccinare e che cosa significa non farlo; rispondere alle rimostranze dei genitori reticenti, che l’autore riporta nel testo e a cui risponde, come se l’interlocutore si trovasse lì con lui in quel preciso momento.
Un altro aspetto di valore del testo è che anche se non è un testo pieno di numeri, ci sono comunque molti dati, riferimenti, che vengono usati senza appesantire per discutere una a una le menzogne che circolano sull’argomento, circa fantomatici effetti collaterali, rischi per la salute dovuti a questi “vaccini”, che fanno peraltro di tutta l’erba un fascio. Perché come sa bene chi si occupa di comunicazione sul tema dei vaccini, la semplicità è il primo valore che bisogna tenere a mente per riuscire a instaurare un dialogo con chi ancora oggi purtroppo non si fida della sicurezza delle vaccinazioni.

Sono due in particolare gli snodi cruciali spiegati molto bene in questo libro che ne rendono davvero importante la lettura: il primo riguarda i reali rischi di effetti collaterali legati ai vaccini: cioè di allergie, shock anafilattici, encefaliti, per i quali l’autore riporta i numeri reali dei vari fenomeni.

“Con i nuovi vaccini purificati, lo shock anafilattico è davvero eccezionale. Con quelli vivi molto, molto raro. Quanto raro? Secondo l’AIFA (Agenzia Italiana del Farmaco): 1,31 casi per milione (dati del 18 novembre 2015). Cioè si sono avute 33 reazioni anafilattiche su 25.173.965 dosi di vaccino. Di queste, solo un paziente ha richiesto il ricovero.”

E ancora sugli effetti collaterali dell’encefalite, così tanto temuta: “Il morbillo – riporta Montini – provoca un’encefalite ogni 2000 malati, con un altissimo rischio di morte e di disabilità permanente. Il vaccino antimorbillo, secondo i dati disponibili, ne è responsabile con una frequenza di 1 caso ogni 2 milioni di iniezioni (non si distingue se tra i due milioni ci sono malnutriti e malati o bambini sani e “pasciuti””. E non dimentichiamo che prima dell’introduzione della vaccinazione il morbillo uccideva nel mondo 2 milioni di bambini all’anno, e ancora oggi è una delle primissime cause di mortalità infantile in Africa.

E la sindrome di Guillan-Barré, che come sappiamo è una malattia rara gravissima che può portare a paralisi periferiche? Essendo innescata da infezioni virali, da tempo circola la notizia – infondata – che ci si potesse “infettare” tramite le vaccinazioni. Come illustra l’autore, “gli studi scientifici non hanno confermato questo sospetto: non c’è una documentata relazione causale.” Anzi! “L’analisi dei dati, invece, ha evidenziato addirittura un effetto protettivo della vaccinazione verso le polinevriti periferiche”.

Il secondo snodo cruciale che viene affrontato in modo semplice ma esaustivo in questo libro è illustrare come è fatto ogni vaccino e perché non costituisce un rischio per la salute del bambino la somministrazione in parallelo ad altri vaccini. Anche qui, dati e logica alla mano. “Ogni giorno il nostro sistema immunitario ‘tiene a bada’ qualche miliardo di microorganismi di varia natura che continuamente cercando i insidiare le difese del nostro corpo perché lo troviamo molto ‘invitante’ per cercare casa, lavoro e nutrimento” spiega l’autore. “Qualche decina di vaccini, tra questi, sono un impegno davvero irrisorio per una macchina da guerra sempre in funzione”.

@CristinaDaRold

Leggi anche: Comunicare i vaccini: come raggiungere i genitori nel modo giusto

Pubblicato con licenza Creative Commons Attribuzione-Non opere derivate 2.5 Italia.   

Informazioni su Cristina Da Rold ()
Freelance (data) journalist and scientific communicator

2 Commenti su LIBRI – Vaccinamiamoli!

  1. Cristina Da Rold // 10 ottobre 2017 alle 15:20 // Rispondi

    L’ha ribloggato su Cristina Da Rold.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: