In che senso siamo davanti a un’epidemia di morbillo?

Outbreak, epidemics, focolai, epidemie, pandemie. Il morbillo dunque che cos'è?

In Italia il morbillo è endemico, perché il numero dei casi annuali è maggiore di quello che si potrebbe sperare avendo a disposizione una vaccinazione gratuita. Crediti immagine: Dave Haygarth, Flickr

SALUTE – Sia nel caso del morbillo, che per noi ora è materia di cronaca, che di malattie infettive emergenti come la Chikungunya o un nuovo ceppo influenzale, si sente parlare di “epidemia”, se non di “pandemia”, spesso usando l’uno e l’atro termine come sinonimi. Il risultato è una frequente confusione, che si complica quando andiamo a vedere che cosa dicono le fonti internazionali. Il problema nasce dal fatto che la lingua inglese fa uso di due termini con accezioni differenti – outbreak ed epidemic – mentre la lingua italiana non contempla questa distinzione linguistica.

Lo spiega Caterina Rizzo, Epidemiologa del Centro Nazionale di Epidemiologia, Sorveglianza e Promozione della Salute (CNESPS) dell’Istituto Superiore di Sanità. “In inglese la differenza fra outbreak, epidemic e pandemic è la seguente: outbreak indica la situazione in cui si registra un contagio circoscritto in un certo luogo e in un certo periodo, dove il numero dei casi di contagio supera la stima di casi attesi, indipendentemente dal numero dei morti, come nel caso della Chikungunya nella regione Lazio. Un outbreak può trasformarsi in epidemia se il contagio inizia a diffondersi in aree sempre meno circoscritte, senza però essere ancora diffuso globalmente, altrimenti si parla di pandemic, cioè pandemia. Il problema è che in italiano, non avendo questa sfumatura linguistica, parliamo indistintamente di ‘epidemia’, termine che peraltro ha una connotazione fortemente allarmistica. Un’alternativa sarebbe utilizzare per outbreak il termine focolaio, per rendere appunto l’idea di un problema circoscritto e non di un allarme che deve spaventare”.

E nel caso del morbillo dunque? “La risposta dipende dal Paese a cui ci riferiamo, dal momento che qui entra in gioco un altro concetto, quello di endemia”, prosegue Rizzo. Ci sono Paesi come l’Italia in cui il morbillo è endemico, cioè il numero dei casi è ogni anno ancora superiore rispetto a quanto si potrebbe sperare pur avendo la disponibilità della vaccinazione gratuita. In Italia per esempio i dati dell’Istituto Superiore di Sanità mostrano che ciclicamente negli ultimi anni vi sono stati momenti, come quello che stiamo vivendo ora, dove l’incidenza della malattia è stata molto alta, come raccontavamo qui e qui. Ragione per cui dobbiamo affermare che non si tratta di qualcosa di mai visto.

Questo non toglie il fatto però che in Italia siamo davanti a una forma di epidemia, dal momento che, come mostrano i dati OMS – siamo il quinto Paese al mondo per numero di casi. “Tuttavia nel nostro caso il termine ‘epidemia’ – prosegue Rizzo – indica una malattia già presente e ben radicata, che ciclicamente presenta dei picchi non circoscritti a una regione specifica, ma che interessano a macchia di leopardo un’area più ampia. Certo, non dappertutto è così. Negli Stati Uniti per esempio il morbillo è considerato outbreak, cioè focolaio, dal momento che la malattia risulta praticamente eliminata e anche solo il presentarsi di pochi casi (ben lontani dai nostri oltre 4000!)”.

In sintesi dunque siamo davanti a un’epidemia, ma non certo a un’anomalia.

@CristinaDaRold

Leggi anche: Morbillo: Italia quinta nel mondo per numero di casi

Pubblicato con licenza Creative Commons Attribuzione-Non opere derivate 2.5 Italia.   

Informazioni su Cristina Da Rold ()
Freelance (data) journalist and scientific communicator

2 Commenti su In che senso siamo davanti a un’epidemia di morbillo?

  1. L’ha ribloggato su bUFOle & Co.e ha commentato:
    Quanto paese al mondo per numero di casi di morbillo… che meraviglia di record…

  2. Cristina Da Rold // 18 ottobre 2017 alle 14:46 // Rispondi

    L’ha ribloggato su Cristina Da Rold.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: