ricerca

Cancro al seno e all’ovaio: al via due nuove sperimentazioni allo IEO

Al via lo studio PERSONA per nuovi test genetici per aumentare l’efficacia della cura dei tumori femminili, e per studiare gli effetti dell’agopuntura come terapia adiuvante per le donne

PERSONA vuole provare a dimostrare che i test genetici per i tumori dell’ovaio e del seno non solo indicano il rischio di ammalarsi ma possono anche aiutare a scegliere la cura più efficace in caso di malattia. Crediti immagine: Pixabay

RICERCA – Per almeno due anni, a tutte le donne che riceveranno una diagnosi di tumore al seno triplo negativo (per il quale alcuni farmaci non funzionano a causa della mancanza dell’oncogene HER2) e all’ovaio presso il Women’s Cancer Center dell’Istituto Europeo di Oncologia (IEO) di Milano verrà offerta gratuitamente la possibilità di sottoporsi a un test di screening genetico in grado di studiare 94 geni associati alla predisposizione al tumore e 349 geni la cui funzione è associata all’evoluzione tumorale e alla risposta ai trattamenti.
Questo studio clinico si chiama PERSONA ed è nato con l’obiettivo di provare a dimostrare che i test genetici per i tumori dell’ovaio e del seno non solo indicano il rischio di ammalarsi per la donna e la sua famiglia, ma possono anche aiutare a scegliere la cura più efficace in caso di malattia.

“Oggi questo test genetico viene proposto alle donne con familiarità per il cancro al seno triplo negativo, un criterio che però espone al rischio di perdere diversi casi di mutazione ereditaria” spiega a OggiScienza Viviana Galimberti, Vice-Direttore del Programma Senologia dello IEO. “Sappiamo che molti geni correlati al rischio genetico svolgono un ruolo importante nella biologia del tumore, e che sono mutati o inattivati nel tessuto tumorale.” Una diagnosi di umore del seno di tipo triplo negativo per esempio è associata più spesso alle mutazioni genetiche ereditarie BRCA1 /2. “Oggi possediamo inoltre farmaci in grado di agire specificamente su queste mutazioni, ad esempio i PARP inibitori e i derivati del Platino. Per questo abbiamo deciso di studiare gli effetti di uno screening genetico sistematico sia a livello del sangue che del tumori: nella speranza che i nostri risultati ci suggeriscano la terapia più efficace per ognuna di queste pazienti.”

Sempre allo IEO è in corso uno studio prospettico di confronto fra agopuntura e terapia antidolorifica standard postoperatoria, in pazienti sottoposte a intervento chirurgico in regime di Day Surgery. L’obiettivo è quello di studiare gli effetti dell’agopuntura come terapia di supporto alle cure oncologiche, per ridurre alcuni sintomi che possono colpire le donne in terapia. “Attenzione – precisa Galimberti – non stiamo parlando in alcun modo di usare l’agopuntura come cura, come propongono alcuni ciarlatani che la spacciano come cura alternativa alla medicina ma come terapia integrata. L’ambito di indagine è quello del supporto alle cure. Molte donne in cura per cancro al seno o all’ovaio sono costrette a convivere con sintomi anche molto importanti, come una menopausa precoce nel caso di pazienti giovani, con conseguenti vampate di calore, secchezza vaginale , insonnia e depressione e via dicendo.

Oggi per alleviare questi sintomi le cure oncologiche vengono affiancate da terapie farmacologiche, che sono farmaci, e che possono dare effetti collaterali a loro volta. Va detto inoltre che vi sono diversi studi, fra cui questo che hanno sottolineato la possibilità che l’agopuntura possa essere utile a tale scopo. Per questo – conclude Galimberti – abbiamo iniziato a confrontare i benefici dell’agopuntura per alleviare i sintomi rispetto alle tradizionali terapie antalgiche”.

La Fondazione Istituto Europeo di Oncologia-Centro cardiologico Monzino lancia una campagna di sms solidali a sostegno di IEO Women’s Cancer Center.
La campagna di raccolta fondi a sostegno di IEO Women’s Cancer Center con SMS solidale avrà come numerazione 45544e sarà attiva fino al 27 gennaio 2017. Il valore della donazione sarà di 2 euro per ciascun SMS inviato da cellulare e di 5 euro da rete fissa.

@CristinaDaRold

Leggi anche: Tracciata la mappa molecolare del cancro ovarico

Pubblicato con licenza Creative Commons Attribuzione-Non opere derivate 2.5 Italia.   

Cristina Da Rold
Giornalista freelance e consulente nell'ambito della comunicazione digitale. Soprattutto in rete e soprattutto data-driven. Lavoro per la maggior parte su temi legati a salute, sanità, epidemiologia con particolare attenzione ai determinanti sociali della salute, alla prevenzione e al mancato accesso alle cure. Dal 2015 sono consulente social media per l'Ufficio italiano dell'Organizzazione Mondiale della Sanità. Il mio blog: www.cristinadarold.com Twitter: @CristinaDaRold

3 Commenti

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: