lunedì, Giugno 17, 2019
ricerca

Misurare l’invecchiamento con un test delle urine

Un nuovo marcatore biologico potrebbe indicare il tasso di invecchiamento dei tessuti e, forse, il rischio di sviluppare malattie collegate

Juan-Ping Cai ha raccolto i campioni di urina di più di mille volontari cinesi, misurando la concentrazione di due prodotti di scarto dei processi di riparazione del DNA e dell’RNA. Crediti immagine: Pixabay

RICERCA – Prima o poi potrebbe bastare un semplice test delle urine per sapere quanto è vecchio il nostro corpo. A prevederlo è un gruppo di ricercatori cinesi, che hanno da poco pubblicato su Frontiers in Aging Neuroscience un articolo dove dimostrano che la concentrazione nelle urine di alcuni marcatori è collegata alla nostra età biologica.

Paragonata all’età biologica, l’età cronologica (cioè gli anni che contiamo a partire dalla data di nascita) è un indicatore molto meno affidabile di come il corpo stia invecchiando. È per questo che alcuni dei ricercatori che studiano l’invecchiamento, come Juan-Ping Cai, direttore del MOH Key Laboratory of Geriatrics al Beijing Hospital, in Cina, stanno cercando di individuare i marcatori biologici in grado di prevedere con una certa accuratezza la vera età di una persona.

Insieme a un team di otto colleghi, Juan-Ping Cai ha raccolto i campioni di urina di più di mille volontari cinesi (equamente divisi fra maschi e femmine) di età compresa fra i 2 e i 90 anni. Misurando la concentrazione di 8-ossi-7,8-diidro-2’-deossiguanosina (8-oxodGuo) e 8-ossi-7,8-diidroguanosina (8-oxoGuo), due prodotti di scarto dei processi di riparazione del DNA e dell’RNA, i ricercatori hanno scoperto che dai vent’anni in su i livelli di entrambe queste sostanze nelle urine aumentano all’avanzare dell’età.

8-oxodGuo e 8-oxoGuo sono i derivati ossidati degli acidi nucleici più studiati. A causa dell’alta reattività di uno dei suoi atomi di carbonio, la guanina (una delle unità di base del DNA e dell’RNA) può essere facilmente ossidata dalle specie reattive dell’ossigeno, più comunemente note come radicali liberi. Maggiore è la presenza di radicali liberi nella cellula, più alta è la probabilità che si formino i prodotti dell’ossidazione. Se i sistemi di riparazione non li intercettano, 8-oxodGuo e 8-oxoGuo possono portare a errori di trascrizione, che a loro volta portano a mutazioni nella proteina.

Poiché la teoria più accreditata finora sostiene che l’invecchiamento fisiologico è il risultato di un aumento dello stress ossidativo, cioè dell’accumulo di prodotti ossidativi (come 8-oxodGuo e 8-oxoGuo) nelle cellule e nei tessuti a causa della degenerazione dei processi riparativi, Cai e colleghi hanno ipotizzato che l’aumento nelle urine di questi prodotti poteva indicare il progressivo peggioramento delle capacità antiossidanti via via che i tessuti invecchiano.

Per meglio inquadrare la correlazione fra i livelli delle due forme di guanina ossidata e invecchiamento, gli scienziati cinesi hanno eseguito alcune analisi statistiche, arrivando alla conclusione che fra i due composti l’8-oxoGuo è il marcatore migliore.

Lo studio pubblicato su Frontiers in Aging Neuroscience ha avuto il merito di analizzare, con una tecnica estremamente accurata e veloce, un numero consistente di campioni, escludendo quelli in cui la quantità di 8-oxodGuo e 8-oxoGuo poteva essere influenzata da fattori diversi da un invecchiamento fisiologico, come la presenza di anomalie somatiche o psichiatriche o il consumo di tabacco nelle due settimane precedenti  il prelievo di urina. È noto, infatti, che alcune malattie (come cancro e diabete di tipo 2) e il consumo di sigarette fanno aumentare i livelli di stress ossidativo nell’organismo.

Tuttavia, prima di arrivare a un test in grado di prevedere correttamente l’invecchiamento e forse il rischio di sviluppare patologie correlate, rimangono ancora molti punti da chiarire. Per esempio, come mai neonati e bambini mostrano livelli eccezionalmente alti di 8-oxodGuo e 8-oxoGuo, nonostante i loro tessuti abbiano in teoria l’età biologica più bassa, e quali meccanismi spiegano il picco ossidativo nelle donne che hanno appena superato i cinquant’anni.

Segui Sara Mohammad su Twitter

Leggi anche: Invecchiamento cognitivo: l’importanza della scuola

Pubblicato con licenza Creative Commons Attribuzione-Non opere derivate 2.5 Italia.   

Sara Mohammad
Dopo una laurea in neurobiologia ho frequentato il master in comunicazione della scienza alla SISSA di Trieste. Oggi scrivo news e articoli di approfondimento soprattutto sulle ultime scoperte delle neuroscienze. Ho un blog dove, tra l'altro, vi porto tra i ricercatori che studiano il cervello umano. Su Twitter sono @smohammabd

2 Commenti

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: