IN EVIDENZASALUTE

Integratori vitaminici: buone e cattive abitudini degli italiani

Un italiano su due, di età compresa tra i 55 e i 74 anni, acquista regolarmente multivitaminici per migliorare la salute e il benessere. Ma serve davvero?

quando-assumere-integratori-multivitaminici
Nei giovani e negli adulti un’alimentazione varia e completa è sufficiente, ma per gli anziani un’integrazione può servire. Rigorosamente sotto controllo medico. Foto: Pixabay

APPROFONDIMENTO – Un articolo recente del New York Times afferma che più del 50% degli americani assume integratori vitaminici. Tra le persone di età superiore ai 65 anni la percentuale sale al 68%. Numeri simili riguardano molti paesi occidentali e anche in Italia sono sempre più diffusi. Quando assumere integratori multivitaminici è importante e quali sono i numeri nel nostro Paese?

Secondo uno studio condotto dai ricercatori dell’Istituto Superiore di Sanità quasi una persona su due fa uso di un integratore alimentare. Tra questi la più diffusa è proprio la categoria delle vitamine, consumate dal 61% delle persone che prendono integratori. Un rapporto di Euromonitor International del 2017 afferma che un italiano su due, di età compresa tra i 55 e i 74 anni, acquista regolarmente multivitaminici.

Perché acquistiamo gli integratori e quando ha senso farlo

I consumatori italiani ritengono che assumere vitamine e integratori alimentari sia un metodo efficace per migliorare la salute e il benessere. Altri scopi sono prevenire le malattie e contrastare gli effetti dell’avanzare dell’età e delle abitudini sbagliate, come lo stile sedentario, il fumo e l’alimentazione eccessiva. Ricerche di mercato indicano come questa categoria di integratori sia destinata a crescere nei prossimi anni.

È davvero così? Ne abbiamo parlato con Valeria del Balzo, biologa nutrizionista e specialista in Scienza dell’Alimentazione presso l’Università Sapienza di Roma. “Esistono diversi profili di consumatori, che variano a seconda dell’età e che hanno diverse aspettative nei confronti degli integratori” – spiega del Balzo. Come riscontrato da un‘indagine svolta dal gruppo della Sapienza e pubblicata sulla rivista PLOS ONE, tra i giovani maschi prevale l’uso di integratori non vitaminici, soprattutto finalizzato alla reintegrazione di perdite minerali e all’accrescimento della massa muscolare. Le ragazze invece consumano soprattutto vitamine (26,5% del campione) per motivi medici o estetici.

I supplementi di vitamine negli anziani

“Man mano che l’età sale, gli obiettivi cambiano. Alcuni adulti sanno di mangiare male e pensano di poter sostituire gli alimenti con gli integratori. In genere, si tratta di persone attente al proprio stato di salute. Per quanto riguarda gli anziani bisogna fare una distinzione. Vengono classificati in questa categoria gli adulti di età superiore ai 60-65 anni, ma l’allungamento della vita e le migliori condizioni garantiscono una buona vitalità fisica e intellettiva a molti over 60”.

Questo spinge alcuni di loro a “voler preservare il proprio stato di salute e a mantenere le proprie prestazioni fisiche il più a lungo possibile”, prosegue del Balzo. In generale c’è molta attenzione verso la prevenzione e fiducia nell’idea che le vitamine possano evitare l’insorgenza di alcune patologie.

Un discorso diverso riguarda gli ultra-75enni. Per questa categoria, oltre alla situazione sociale ed economica che potrebbe compromettere un’alimentazione varia ed equilibrata, si deve tenere conto di eventuali problemi legati alla masticazione e alle possibili difficoltà nel reperimento di alimenti freschi ogni giorno. In questo caso diventa quindi molto importante supplire alle carenze vitaminiche tramite integratori, che dovrebbero però essere assunti sotto indicazioni mediche”.

Quando assumere integratori multivitaminici e quando invece l’alimentazione è sufficiente

In un giovane o un adulto sano, ribadisce Valeria del Balzo, un’alimentazione varia è sufficiente ad apportare le vitamine necessarie, mentre gli stati di carenza andrebbero gestiti sempre sotto controllo medico, mai con il fai da te. “Numerosi lavori scientifici evidenziano l’importanza di assumere vitamine tramite l’alimentazione, perché è l’effetto sinergico di tutti i nutrienti che contribuisce al mantenimento di un buono stato di salute. La capacità del nostro organismo di utilizzare i nutrienti varia se questi provengono da alimenti oppure da integratori. Dobbiamo ricordare, infatti, che le reazioni chimiche si sono adattate nel corso dell’evoluzione per garantire le dosi giuste per una sintesi corretta delle molecole. L’introduzione di un tipo di vitamina, in eccesso rispetto alle altre, potrebbe quindi sbilanciare le reazioni fisiologiche”.

“Le vitamine devono essere assunte in quantità ben definite, come riportano anche le etichette sulle confezioni in commercio. Se queste quantità vengono superate, come può succedere in pazienti ortoressici, si rischia di andare incontro a sintomatologie gravi. La vitamina A, spesso assunta in compresse per stimolare l’abbronzatura, è una molecola liposolubile che si accumula nel fegato. Se la quantità supera il livello necessario al fabbisogno dell’organismo si altera il sistema, con conseguenze anche molto gravi: negli anni passati si sono verificati casi di epatopatie, che in un paio di occasioni hanno portato alla morte”.

Casi particolari, acido folico in gravidanza e vitamina D

Tra i casi di supplementazione approvati anche dal Ministero della Salute, vi è quello dell’acido folico, raccomandato per le donne in gravidanza con lo scopo di prevenire i difetti del tubo neurale nel feto. “In questo caso si può parlare di prevenzione vera e propria perché l’assunzione deve iniziare almeno uno o due mesi prima del concepimento, e non quando la gravidanza è già iniziata”, spiega del Balzo.

Oltre all’acido folico, negli ultimi anni molti scienziati si sono concentrati sullo studio della vitamina D, aggiunge la nutrizionista, per definirne il ruolo e chiarire come e quando integrarla.

“Se da una parte gli studi scientifici stanno scoprendo sempre più funzioni organiche per questa molecola, dall’altra oggi siamo sempre più a rischio di carenze. Passiamo sempre meno ore all’aria aperta e perché le protezioni solari, che utilizziamo quando ci esponiamo, riducono la capacità dell’organismo di sintetizzare la molecola”, conclude del Balzo.

“Anche in questo caso, però, dosi e frequenza di consumo dovrebbero essere sempre indicate dal medico: un aumento eccessivo della concentrazione di vitamina D, infatti, può causare danni all’organismo, come ad esempio la formazione di piccole micro calcificazioni nelle arterie”.

segui Francesca Camilli su Twitter

Leggi anche: Acido folico, servono nuovi studi per chiarire gli effetti indesiderati

Pubblicato con licenza Creative Commons Attribuzione-Non opere derivate 2.5 Italia.   

Francesca Camilli
Comunicatrice della scienza. Produco contenuti e oggetti multimediali per università, enti di ricerca, case editrici e testate giornalistiche. Collaboro con l’agenzia di comunicazione formicablu e con il magazine online OggiScienza. Ho una laurea in biotecnologie mediche e un master in giornalismo scientifico digitale.

1 Commento

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: