sabato, Maggio 25, 2019
AMBIENTE

Come gli scienziati africani stanno migliorando la manioca

Il viaggio in Nigeria di Amy Maxmen, raccontato su Nature: combinare la genomica con l'allevamento funzionale potrebbe essere la chiave per raccolti migliori.

La manioca, anche nota come cassava o yuca (da non confondersi con la Yucca!), con le sue radici ricche di amido fornisce cibo e reddito a oltre 800 milioni di persone in tutto il mondo. In Africa, dove il consumo è più alto, le piante di manioca hanno rese più basse rispetto alle loro cugine in Asia e in Sud America, anche se le varietà africane tendono a essere più tolleranti nei confronti delle piaghe, come la micidiale malattia del mosaico della manioca che si sta diffondendo in tutta l’Asia.

Crediti immagine: Pixabay

Secondo quanto racconta la giornalista di Nature Amy Maxmen, reduce da un viaggio in Nigeria, un team di ricercatori guidati da Chiedozie Egesi, Direttore del Next-Generation Cassava Breeding project – lanciato nel 2011 dal governo del Regno Unito e dalla Fondazione Bill & Melinda Gates – sta combinando la genomica e l’allevamento convenzionale per migliorare il raccolto e aiutare anche altri paesi a rendere più efficiente la coltivazione della manioca. Il progetto mira ad accelerare la creazione di varietà di manioca più resistenti e a migliorare i raccolti, utilizzando il sequenziamento genetico per identificare gli ibridi vincenti. I ricercatori stanno anche lavorando per stimolare gli investimenti del mercato, in parte attraverso discussioni con imprenditori nigeriani che vogliono acquistare ed elaborare radici di manioca coltivate da piccoli agricoltori.

Le difficoltà del progetto

La manioca è un caposaldo per gli agricoltori di sussistenza dei tre continenti perché sopravvive in terreni scadenti e in condizioni di siccità, e le sue radici possono essere raccolte in qualsiasi momento dell’anno. Esistono tuttavia ampie disparità geografiche nei rendimenti di manioca.

I ricercatori hanno a lungo cercato di migliorare la situazione degli agricoltori africani importando varietà asiatiche e sudamericane, ma queste piante estranee, che mancano di difese contro i patogeni africani, non hanno prodotto i risultati sperati. Anche la coltivazione di varietà ibride più resistenti si è dimostrato difficile, dal momento che ci vogliono circa cinque anni di allevamento per produrre un ibrido. Dopo ogni incrocio, bisogna crescere le piante figlie per circa un anno e quindi valutare la qualità delle radici – che richiede di raccogliere, ammollare, tagliare a dadini e asciugare le piante sperimentali prima di pesare l’amido che rimane. Anche allora, una pianta ad alto rendimento potrebbe essere persa se esposta in ambienti difficili.
Questo lungo processo di riproduzione spreca terra, lavoro e denaro, e sebbene la manioca rappresenti una delle maggiori fonti di carboidrati per le popolazioni africane, mais, grano e riso lo superano ampiamente in termini di vendite globali e borse di ricerca.

Lo scorso novembre – racconta Maxmen – Egesi ha spedito cinque varietà di manioca africana che resistono alla malattia in Thailandia, il più grande esportatore di cassava del mondo. Lì gli scienziati li incroceranno con varietà di manioca adattate all’Asia. Quindi esamineranno la progenie risultante per i marcatori genetici utilizzati da Egesi e dai suoi colleghi per prevedere la resistenza della pianta alla temuta malattia del mosaico, insieme ad altri 12 tratti, come il colore delle foglie e la quantità di amido commestibile in ogni radice.

Questi marcatori genetici hanno aiutato i ricercatori in Nigeria ad allevare otto tipi di manioca che ora stanno crescendo in aree di prova in tutto il paese. I ricercatori hanno analizzato il DNA di circa 2500 piantine che sono germogliate nel 2013 e hanno identificato varietà promettenti basate su sequenze genetiche che avevano associato a tratti particolari. Nel 2020 selezioneranno le varietà migliori dai questi otto tipi di manioca e li distribuiranno in tutta la Nigeria. Sono in corso anche contatti con colleghi in Tailandia, Laos, Brasile, Uganda e Tanzania.

E i coltivatori?

Ma non basta studiare la migliore tecnologia, se la maggior parte dei coltivatori non se la può permettere, precisa Egesi. “Quando ai contadini nigeriani viene chiesto perché non coltivano più le loro varietà di manioca preferite, spesso rispondono che non hanno abbastanza piante per farlo. La manioca viene propagata mediante la semina di pezzi del gambo da una pianta matura, non attraverso la semina. In questo modo possono passare anni prima che un campo venga riempito con la stessa varietà, e la qualità di una varietà si degrada nel tempo quando la manioca viene coltivata in questo modo, perché i cloni ereditano i patogeni dai loro genitori e acquisiscono mutazioni”

Nel 2016, il genetista IITA Elohor Mercy Diebiru-Ojo e i suoi colleghi hanno sviluppato il primo sistema semi-idroponico per la coltivazione della manioca. Nel suo laboratorio, sottili germogli di manioca crescono sotto luci fluorescenti in scatole di plastica trasparenti piene di terra acquosa. Ogni due settimane, la squadra taglia gli alberelli ai nodi in cui si diramano e ripubblica i frammenti. Entro due mesi, possono produrre 100 piante da un solo genitore che sono pronti a piantare all’aperto.

Sollevando una scatola di piantine cresciute in questo modo, Diebiru-Ojo racconta a Maxmen che alcuni agricoltori che conosce sono disposti a pagare per tali piante premium. “Spero che ciò favorirà la crescita delle imprese che vendono manioca di alta qualità agli agricoltori, in modo che tutti possano beneficiare della tecnologia.


Segui Cristina Da Rold su Twitter

Leggi anche: L’Africa corre ma non pianifica: una lezione dalle epidemie di ebola

Cristina Da Rold
Giornalista freelance e consulente nell'ambito della comunicazione digitale. Soprattutto in rete e soprattutto data-driven. Lavoro per la maggior parte su temi legati a salute, sanità, epidemiologia con particolare attenzione ai determinanti sociali della salute, alla prevenzione e al mancato accesso alle cure. Dal 2015 sono consulente social media per l'Ufficio italiano dell'Organizzazione Mondiale della Sanità.

1 Commento

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: