lunedì, Aprile 19, 2021

archiveANNO INTERNAZIONALE DELLA CHIMICA

Sul principio del tornasole

ANNO INTERNAZIONALE DELLA CHIMICA - L'acqua infetta è la prima causa di mortalità, infantile soprattutto, nei paesi poveri e per ora i test per determinare la presenza o meno di patogeni sono costosi, ci mettono giorni a fornire una risposta e richiedono laboratori e personale specializzato che nel terzo mondo sono rari. Da oltre un secolo si cercano metodi veloci e facili da usare sul campo, insomma l'equivalente della cartina al tornasole inventata da Louis J. Gay-Lussac quasi due secoli fa (s'impara nelle scuole francesi, ma potrebbe essere un caso di sciovinismo...).

Dormirci sopra

 Sulla funzione del sonno - un comportamento che lascia un animale indifeso e senza l'uso del cervello per un terzo...

I dendrimersomi copiati dalla Natura

NOTIZIE - Sono giorni “frizzanti” all’American Chemical Society (tenente conto che questo è anche l’Anno internazionale della chimica) che si sta tenendo in questi giorrni ad Anaheim (California). Ieri è stato il turno della lecture Innovation in Chemistry promossa dalla Fondazione Kavli , un’organizzazione no profit che promuove la ricerca scientifica di base, in cui si è ragionato su una delle nuove frontiere della scienza il “disegno bioinspirato”. Traanquilli fortuna non si tratta di una deriva creazionista bensì di un nuovo approccio che intende imitare la Natura allo scopo di sviluppare nuove medicinali, fonti di cibo sostenibile, modi di produrre energia e molti altri prodotti utili alla nostra società. Già nei giorni scorsi al meeting si sono avuti alcuni esempi, come la foglia artificiale. Oggi Virgil Percec dell’università della Pennsylvania ha presentato i risultati dei suoi studi su una sostanza organica i dedrimeri che se aggiunti all’acqua vanno a formare dei “contenitori” (a forma di bolla, tubo, disco) di dimesione “nano”. Percec chiama queste forme dendrimersomi

Non bastava il terremoto?

IL PARCO DELLE BUFALE - La "super" Luna - qualche giorno prima del terremoto che ha innescato lo tsunami, il noto astrologo britannico Richard Nolle aveva previsto che, visto che la Luna si stava avvicinando al suo perigeo, cioè il punto più vicino alla Terra che il satellite può raggiungere orbitandole attorno (cosa che accade una volta al mese), e che in particolare questo 19 Marzo, a Luna piena, sarebbe è stato il più prossimo alla Terra degli ultimi 19 anni, il tutto avrebbe causato eventi catastrofici come, appunto, terremoti e maremoti. Le superlune, come le chiama l'astrologo, avrebbero sempre portato con loro immani catastrofi. Nella Rete, insensate affermazioni come questa sono state immediatamente elevate al rango di teorie scientifiche, specialmente dopo il terremoto. Tra le vittime della disinformazione, anche il "meteorologo" britannico John Kettley che, contrariamente a quanto riportato in genere, aveva assicurato che la Luna NON poteva innescare terremoti ma che, forse, poteva influire significativamente sul tempo atmosferico e sulle maree limitatamente alle zone costiere. In realtà, meteorologo Kettley lo è diventato solo da noi perché si tratta invece di un popolare presentatore delle previsioni del tempo britannico.

Odore di quanti

I Proceedings of the National Academy of Sciences anticipano on line una ricerca sull'olfatto che sta suscitando vivaci discussioni, come da quindici anni a questa parte ANNO INTERNAZIONALE DELLA CHIMICA - Luca Turin, un bio-fisico con una passione per i profumi di cui scrive insieme alla moglie recensioni irriverenti, aveva pubblicato nel 1996 una teoria sul funzionamento dei recettori dell’olfatto, secondo la quale non distinguono le molecole odorose dalla forma, ma dalle vibrazioni dei loro atomi. In base a un modello derivato dalla fisica quantistica, Luca Turin ha anche calcolato l'impatto olfattivo di nuove molecole, per sostituire odoranti tossici usati dall'industria chimica.

Ricordare Palermo

ANNO INTERNAZIONALE DELLA CHIMICA - Dal 19 al 28 febbraio, si svolge a Palermo il festival della scienza Esperienza inSegna 2011 in gran parte dedicato a una disciplina di cui noi giornalisti ci occupiamo poco ci scrive il collega Nicola Nosengo. È vero, ce ne lamentavamo giusto qualche giorno fa. Però dopo quella full immersion pensiamo che parecchi siciliani, e non, ne parleranno a lungo. Il programma è allettante. Da un lato è un omaggio alla storia, dai Greci passando dall'alchimia per arrivare a Stanislao Canizzaro e alla Palermo “capitale della chimica”. Dall’altro è una panoramica delle ricerche per l’ambiente, la sostenibilità, il risparmio di materiali e di energia, della chimica “responsabile” che contribuisce allo “sviluppo responsabile”, ai piaceri quotidiani e … ai 4732 modi di cucinare un uovo perfetto.

Gas serra in biblioteca

Al chimico Dan Yakir che dirige il laboratorio di ecologia globale all'Istituto Weizmann di Rehovot, in Israele, è venuta un'idea...

Pronto per il riciclaggio

Esistono già materiali, come i gel, capaci di ripararsi a ripetizione in caso di trauma, ma quelli solidi possono rinsaldare...

Fragole con broccoli

Il bromuro di metile - un pesticida usato per fumigare le colture, disinfestare le derrate alimentari e anche per derattizzare...