martedì, Ottobre 27, 2020

archivedrosophila

Largo ai giovani geni

CRONACA - Giovani e indispensabili: i geni - inteso come plurale di gene - imparano in fretta. Da Seattle, Stati Uniti, arriva la scoperta che un gene non deve per forza essersi evoluto per miliardi di anni per diventare fondamentale per un organismo. Sembra invece che anche geni 'giovani', evolutisi in tempi relativamente brevi, possano essere imprescindibili.

Festeggiamenti per il centenario

CRONACA - Nel 1910, il biologo americano Thomas Hunt Morgan iniziava gli esperimenti su generazioni di drosofile che avrebbero dimostrato la trasmissione di caratteri ereditari attraverso i geni situati sui cromosomi. Da allora la Drosophila melanogaster è stata l'eroina di innumerevoli scoperte. Quasi a celebrare la ricorrenza, il premio del CellDance Festival assegnato il 15 dicembre dall'American Society for Cell Biology è andato alla micrografia di una sua ovaia (qui sopra, scattata da Hogan Tang nel laboratorio di Denise Montell), simbolo e origine dei miliardi di figli che la moscerina ha sacrificato sull'altare della scienza (1). E su Nature esce la soluzione di un vecchio mistero.

Insetti Vs Piante

Per la prima volta abbiamo l'opportunità di studiare una corsa agli armamenti evolutiva a livello genetico e molecolare in corso d'opera. Merito di due organismi modello che, in laboratorio, si fanno guerra.

Conflitto d’interessi

ESTERI - Paolo Innocenti, spettinato e neo-dottorato in biologia evoluzionista all’università di Uppsala, ha pubblicato su PLoS Biology una ricerca che aggiunge un’ulteriore complicazione...