Non tutto è perduto

Crediti: Hiral HennaUn linguaggio appreso da bambini e poi dimenticato lascia il  suo segno in età adulta

L’impressione che rimane è quella di aver perduto tutto: a chi è capitato di imparare una lingua da bambino per poi non usarla più resta la consapevolezza di non ricordare più neanche una parola di quella lingua. Eppure secondo Jeffrey Bowers, Sven Mattys e Suzanne Gage dell’Università di Bristol la lingua appresa in tenera età pur “invisibile” resta in qualche modo latente.

I tre scienziati hanno reclutato dei volontari di madre lingua inglese che però avevano avuto delle esperienze infantili con la lingua Zulu o Hindi. La scelta è caduta su queste due lingue perché contengono fonemi molto difficili da pronunciare per un nativo inglese. Un fonema è la più piccola unità sonora in una parola, che in una lingua determina la differenza con le altre parole. Per esempio in italiano p e b sono due fonemi distinti, perché esistono almeno due parole in italiano (pelle e belle) che differiscono solo per quei fonemi.

Nella prima parte del test i volontari eseguivano una prova di vocabolario nella lingua dimenticata, per misurare se ne fosse rimasta qualche conoscenza. Successivamente gli scienziati hanno insegnato loro a distinguere fra coppie di fonemi che iniziavano parole Hindi o Zulu.

Anche se i partecipanti non ricordavano neanche una parola nella lingua dimenticata erano in grado di imparare a distinguere i fonemi velocemente e con accuratezza. Secondo gli autori questi risultati pubblicati nella rivista Psychological Science, dimostrano che esporre i bambini a una lingua straniera anche se poi non la useranno più ha un impatto permanente sulla percezione linguistica e può facilitare il riapprendimento della stessa lingua in età adulta.

Federica Sgorbissa
Federica Sgorbissa è laureata in Psicologia con un dottorato in percezione visiva ottenuto all'Università di Trieste. Dopo l'università, ha ottenuto il Master in comunicazione della scienza della SISSA di Trieste. Da qui varie esperienze lavorative, fra le quali addetta all'ufficio comunicazione del science centre Immaginario Scientifico di Trieste e oggi nell'area comunicazione di SISSA Medialab. Come giornalista free lance collabora con alcune testate come Le Scienze e Mente & Cervello.

1 Commento

  1. Posso confermare,
    sono rientrato in Italia, all’età di cinque anni, dall’America del sud (Argentina e Venezuela), ovviamente all’epoca ero bi-lingue, ma per 27 anni non ho più parlato o sentito una parola di spagnolo, un giorno al lavoro è arrivata una telefonata in spagnolo e inspiegabilmente io sono stato in grado di rispondere, capire e farmi capire

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: