Potendo sbagliare s’impara

Crediti: Pedro SagüésEvitare di commettere errori non è una buona maniera per apprendere


Molti esperti consigliano che per studiare e apprendere in modo corretto e duraturo ci si deve sforzare a non commettere errori. Per esempio un insegnate potrebbe far ripetere una stessa operazione matematica ai propri studenti, lasciando passare pochissimo tempo fra una ripetizione e un’altra e facendo in modo che ogni volta l’alunno ottenga il risultato corretto. In questo modo secondo molti psicologi, non venendo esposti alle risposte sbagliate i ragazzi eviterebbero di fare confusione in futuro mantenendo in memoria il ricordo del risultato errato. Una ricerca pubblicata recentemente su the Journal of Experimental Psychology: Learning, Memory and Cognition, dimostra invece che poter fare errori è un vantaggio per la memoria.

In una serie di esperimenti Nate Kornell, Matthew Hays e Robert Bjork dell’Università della California di Los Angeles hanno dimostrato che se uno studente fa un tentativo anche fallimentare di trovare l’informazione prima di ottenere la risposta corretta, successivamente ricorda meglio e più a lungo la risposta rispetto a un controllo che abbia semplicemente studiato l’informazione corretta.

Tentare e pur fallire nel tentativo di recuperare un informazione è utile per apprendere. In uno degli esperimenti i soggetti dovevano imparare coppie di vocaboli blandamente associati. Per esempio nella coppia “stella-notte” quando si presenta la parola “stella” da sola e si chiede quale parola possa essere associata si ottiene “notte” solo nel 2% dei casi. Nella fase di pretest veniva fornita la prima parola ai soggetti che dovevano produrre quella associata in soli 8 secondi. Naturalmente in questa fase la percentuale di errori era molto alta.  Allo scadere degli 8 secondi veniva fornita la risposta esatta che veniva visionata per 5 secondi. I soggetti assegnati alla condizione di controllo invece osservavano semplicemente la risposta corretta per un totale di 15 secondi.

Quando in una seconda fase dell’esperimento si chiedeva ai soggetti di ricordare le coppie corrette, il gruppo che aveva dovuto indovinare ricordava meglio (10% di risposte corrette in più) rispetto al gruppo di controllo. I risultati sono controintuitivi: gli individui che avevano studiato per soli 5 secondi la risposta corretta ed erano stati esposti per 8 secondi a una risposta nella maggioranza dei casi errata (solo 2% di risposte corrette) ricordavano meglio di quelli che avavano studiato per 13 secondi la risposta corretta. L’effetto di facilitazione inoltre durava anche dopo 38 ore dal test.

I risultati hanno importanti implicazioni per le tecniche di apprendimento. Per esempio prima di studiare un testo sarebbe corretto porsi delle domande sui contenuti del testo cercando di darsi delle risposte, non importa se sbagliate. Questo tipo di strategia inoltre sarebbe efficace con altri tipi di materiale, non solo quello scritto.

Federica Sgorbissa
Federica Sgorbissa è laureata in Psicologia con un dottorato in percezione visiva ottenuto all'Università di Trieste. Dopo l'università, ha ottenuto il Master in comunicazione della scienza della SISSA di Trieste. Da qui varie esperienze lavorative, fra le quali addetta all'ufficio comunicazione del science centre Immaginario Scientifico di Trieste e oggi nell'area comunicazione di SISSA Medialab. Come giornalista free lance collabora con alcune testate come Le Scienze e Mente & Cervello.

3 Commenti

  1. L’ho sempre pensato e verificato anche praticamente.
    Talvolta però seguendo una via autonoma di ragionamnto basata su qualche errore si fa fatica a smontare tutto per assimilare quella giusta!!

  2. Interessante, fare fatica e poter avere maggiori informazioni o punti di vista, funziona. Quali sono i limiti? Esiste anche per l’apprendimento motorio?

  3. Davvero molto interessante. Una maggiore conoscenza di questo fenomeno sarebbe auspicabile anche per ridimensionare la diffusa tendenza al giudizio nei confronti dell’errore e dei tentativi fallimentari di cui soffrono spesso le nuove generazioni.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: