mercoledì, Dicembre 19, 2018
IN EVIDENZAPOLITICA

Art. 7. Soppressione ed incorporazione di enti ed organismi pubblici; riduzione dei contributi a favore di enti

POLITICA – È in questo articolo del decreto legge del 26 maggio 2010 in materia finanziaria che viene stabilita la SOPPRESSIONE (non il trasferimento o l’inglobamento) dei famosi enti “inutili”. In particolare il comma 18, a pagina 28 del documento allegato (DL_stabilizzazione-finanziaria_26_05_10), in totale 150 pagine del relative a “misure urgenti in materia di stabilizzazione finanziaria e competitività economica”. L’elenco è proprio quello della tabella già pubblicata da OggiScienza. Lo trovate a p. 143 del documento ministeriale.

Il personale a tempo indeterminato viene trasferito alle amministrazioni indicate (fra l’altro non indicate per tutti gli enti soppressi, per esempio INDAM…). Gli altri, le centinaia o forse migliaia di ricercatori precari, possono cercarsi un altro lavoro!

Le amministrazioni acquisiscono anche tutta la strumentazione attualmente in dotazione agli enti soppressi.

Non è chiaro (a me che non mi oriento nel linguaggio burocratico) se anche la sede dell’attività debba essere trasferita. Si dice infatti: “Al fine di garantire la continuità delle attività di interesse pubblico già facenti capo agli enti di cui al presente comma fino al perfezionamento del processo di riorganizzazione indicato, l’attività facente capo ai predetti enti continua ad essere esercitata presso le sedi e gli uffici già a tal fine utilizzati.”

Buona lettura.

6 Commenti

  1. è molto sottile. in realtà l’ente (inaf, indam, ogs etc…) viene effettivamente soppresso, ma i contrattualizzati a tempo indeterminato vanno a confluire dentro gli enti big. resistono le sedi, ma i precari vanno a vendere cicorie. scarto a priori l’opzione della non firma di napolitano…

  2. noto con dispiacere che gli italiani snobbano la scienza ,dato che i commenti si contano sulla punta delle dita.

  3. questi enti che moltiplicano i direttori i condirettori i consigli di amministrazione nascono per incompatibilita’ di lavoro e carattere tra persone che non si piegano a gerarchie e ad hoc si creano cose duplici per i loro troni e spazi di potere era ora che qualcuno bombardasse questo sistema feudale con molyeplici interregni tantissimi vassalli valvassori e valvassini. noi popolo siamo stufi di dovere le gabelle a tutti questi burocrati.

  4. Le Stazioni sperimentali non sono enti inutili infatti ad aprile le Camere hanno approvato il riordino delle Stazioni e decantato l’importanza del lavoro svolto. Adesso le includono negli enti da sopprimere. solo a Milano sono 200 dipendenti tra ricercatori e amministrazione e va precisato che tutte le stazioni si autofinanziano i 2 soldi di contributi da parte del Ministero non servono a tenere in piedi le SSI

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: