mercoledì, Dicembre 19, 2018
ricerca

Datemi uno sciame e vi conquisterò il mondo

FUTURO – Nel suo libro Preda (Garzanti, 2003), il “profeta” Michael Crichton immaginò uno scenario in cui, amalgamando biologia, nanotecnologia e informatica, la nostra concezione di Vita sarebbe stata messa in discussione dall’emergere di creature artificiali. Queste creature, postulava Crichton, per sopravvivere e evolversi non avrebbero avuto bisogno di grandi capacità analitiche, ma piuttosto la loro intelligenza sarebbe stata basata su poche, essenziali istruzioni, identiche per tutti gli individui, che permettessero loro una forma di cooperazione totalmente inconscia: è quella che si definisce “Intelligenza di sciame”.

Siamo ancora lontani dai raffinati, e non del tutto innocui, nanorobot immaginati dallo scrittore e regista (scomparso prematuramente nel 2008), ma questo campo di ricerca è in furiosa evoluzione.

Infatti, lo stesso giovane ingegnere, Mirko Kovac, che recentemente ci ha stupito con la sua cavalletta-robot, ora presenta sul Journal of Micro – Nano Mechatronics assieme al collega Jürg Markus Germann del Laboratorio per i sistemi intelligenti dell’Ecole Polytechnique Fédérale di Losanna (EPFL), un semplice meccanismo che, applicato in cima a un piccolo aliante, gli permette di ancorarsi a qualunque superficie e successivamente di sganciarsene, senza complicate e pericolose manovre di atterraggio. Il funzionamento lo potete vedere nel video riportato di seguito, assieme a uno sull’insolita cavalletta.

Il dispositivo, con poche modifiche, può essere applicato a qualunque tipo di robot di piccole dimensioni, spesso ispirati agli insetti, e ha l’enorme vantaggio di usare pochissima energia. Una volta raggiunto l’obiettivo, ad esempio una zona contaminata inaccessibile all’uomo, i robot possono rimanere appollaiati da qualche parte, trasmettere i dati raccolti da vari sensori, e poi riprendere l’esplorazione.

Ma per ottenere risultati, bisogna pensare su larga scala, e il ricercatore, ora alla fine del suo dottorato, immagina sciami delle sue creature a spasso nelle zone più inospitali del pianeta.

” Non stiamo ciecamente imitando la natura –spiega Kovac– ma usando gli stessi principi per eventualmente migliorarla.”

“Stabilire semplici regole comportamentali, come saltare, volare e appollaiarsi, permette di coordinare movimenti complessi senza ricorrere a grandi risorse computazionali.”

]

Stefano Dalla Casa
Giornalista e comunicatore scientifico, mi sono formato all’Università di Bologna e alla Sissa di Trieste. Scrivo abitualmente sull’Aula di Scienze Zanichelli, Wired.it, OggiScienza e collaboro con Pikaia, il portale italiano dell’evoluzione. Ho scritto col pilota di rover marziani Paolo Bellutta il libro di divulgazione "Autisti marziani" (Zanichelli, 2014). Su twitter sono @Radioprozac

4 Commenti

  1. Ma gli scienziologi hanno sempre manie di grandezza, e anche questi di Harvard:

    Eventually, he hopes to program insect robots to work in a group. “We want a human operator to be able to take out his batch of flies and say, ‘I want you guys to search for carbon dioxide’—a survivor breathing in a collapsed building,” he explains. From there, Wood sees the possibility of building group behaviors into a swarm: a means of pursuing his interest in the study of emergence, which examines how simple organisms such as ants can produce complex group structures.

    Peccato che Crichton se ne sia andato così precocemente, e lasciandoci come ultimi due romanzi “Next” e “Stato di Paura” (+ il postumo, abbastanza gradevole questa volta, “L’isola dei pirati”), avrebbe avuto ancora tanto da raccontare.

    OT:
    i negazionisti ti citano mai Stato di Paura?

  2. La cavalletta svizzera è molto più evoluta di Veritas. Credo che il capo del Lab di Losanna meriti un’intervista se al master interessa, ha una sua versione delle tre leggi di Asimov. Una volta a proposito dei giapponesi che progettano robot-badanti, ha detto “io no, non voglio chiudere l’ultima porta aperta agli emigranti”.

    “Work in a group”: come i calciatori al mundial di Singapore – purtroppo i CM Dragons della CT Manuela “il Mito” Veloso hanno perso in finale e la redazione di OS è rimasta senza kleenex.

    Stato di paura: no, di solito citano la SF hard & short à la Scafetta e i thriller che scrivono loro.

  3. “Credo che il capo del Lab di Losanna meriti un’intervista se al master interessa, ha una sua versione delle tre leggi di Asimov. Una volta a proposito dei giapponesi che progettano robot-badanti, ha detto “io no, non voglio chiudere l’ultima porta aperta agli emigranti”.

    mumble mumble…

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: