martedì, Dicembre 18, 2018
CRONACA

LHC: raggiunta la massima luminosità

Il grande anello del CERN di Ginevra ha raggiunto ieri un record di luminosità con un anticipo di quasi due mesi rispetto al programma

NOTIZIE – Ovviamente l’entusiamo è grande per questo risultato che si aggiunge ai recenti avvenimenti di fine settembre che alludevano a un possibile nuovo stato della materia.

È successo nelle prime ore di giovedì 14 ottobre nell’ambito degli esperimenti chiamati CMS  (Compact Muon Solenoid experiment) e ATLAS, progettati per studiare la fisica a energie altissime, scoprire il bosone di Higgs, l’ipotetica particella prevista dalla teoria del modello standard che descrive il mondo delle particelle subatomiche, cercare delle prove della supersimmetria e delle extra dimensioni e esplorare alcuni aspetti delle collisioni tra ioni pesanti.

Ma che cosa vuol dire “luminosità” nell’ambito della fisica delle particelle? È un parametro che indica il numero di collisioni che si verificano per centimetro quadrato al secondo. E alle 3,38 di ieri notte è stata raggiunta la luminosità di 1032, cioè centomila miliardi di miliardi di miliardi di scontri tra particelle su una superficie più piccola di un fracobollo in un batter d’occhio. Rolf Heuer, il direttore generale del CERN ha dichiarato: “Quando abbiamo cominciato a far funzionare LHC alla fine di marzo ci siamo posti l’obiettivo di raggiungere questa luminosità entro la fine del 2010. È una grande conquista da parte di tutti per raggiungere questo importante traguardo con oltre due mesi di anticipo”.

Questo traguardo è un passo necessario sulla strada per il più grande obiettivo di arrivare a 1039 entro la fine del 2011. In questo intervallo di energia è molto possibile che si verifichino degli eventi e dei fenomeni completamente nuovi, mai osservati dagli scienziati nei laboratori terrestri.

11 Commenti

  1. Mah…io impiegherei le risorse diversamente.Intanto cercando di non continuare a distruggere quello che abbiamo rispetto che cercare di inventare quello che non abbiamo…

    1. Ciao Vale, capisco la tua perplessità ma anche le ricerche di concetto come questa apportano sempre dei benefici all’umanità anche nella pratica. Un esempio semplice è che per uno dei rivelatori sviluppati per LHCb (uno dei quattro esperimenti) si sta studiando un’applicazione nella cura deio tumori, nello specifico verrebbe usato per vedere che il fascio con cui il tumore viene bombardato vada effettivamente a colpire il tumore e non altri tessuti sani.
      Questa è solo una delle tante ma ti assicuro che sono tantissime. Non preoccuparti anche se può sembrare il contrario non è solo un mega trenino elettrico con cui degli uomini con un enorme ego e una mal celata sindrome di peter pan sfogano i loro desideri (questa ovviamente è una battuta ironica dovuta al fatto che questi ambienti siano prettamente maschili!)

  2. Qualcosa non mi torna, solitamente la luminosità indica la caratteristica di un singolo fascio (e non di due che collidono) come una misura della densità di particelle del fascio (o anche di una sorgente luminosa). La misura della densità di collisioni è data da sezione d’urto, parametro di impatto, frequenza di collisione, che sono grandezze proprie dei fenomeni di scattering.

    1. Aggiungo: ovviamente in questo caso un aumento della luminosità significa che i fasci sono più densi e quindi aumenta la probabilità di collisioni

  3. Caro Vale, è vero quel che dice Silvia sulle ricadute enormi che la fisica delle alte energie ha nella vita quotidiana. Pensa che per scrivere e leggere qui stiamo utilizzando il web che è stato inventato proprio al CERN per la fisica di un acceleratore di particelle! Se non spingi agli estremi la tecnologia (e lo puoi fare solo facendo scienza pura, sennò non ha senso) non ne troverai mai di nuova che funziona.
    Cara Silvia, è vero che il mondo della fisica è molto maschile, ma sempre meno. Oggi il più grande esperimento di LHC è diretto da una donna italiana (Fabiola Gianotti) e il più grande laboratorio sotterraneo di fisica di particelle del mondo (Gran Sasso, INFN) da Lucia Votano. Luminosità: temo che tu ti confonda con la brillanza…

    1. Ovviamente la mia era solo ironia, è un ambiente in cui mi sono sempre ritrovata bene. In realtà con brillanza e luminosità molti testi intendono la stessa cosa, ma è una questione di traduzione, resta che la luminosità sia una caratteristica proprio di un singolo fascio.

  4. Porto all’attenzione visto i grandi risultati ottenuti e l’enorme potenziale tecnico e tecnologico dell’LHC al CERN della possibilità di accelerare particelle e fasci luminosi di tenere in considerazione questi esperimenti eseguiti con fasci di luce molto più deboli che a noi danno la quasi certezza di creare O.G. e di riceverle. Esperimenti eseguiti con dei laser, con radiazioni solari e con fasci molto stretti di luce bianca si è convogliato le radiazioni con sistemi rotatori, e proiettati verso un rivelatore formato da un volano chiuso ermeticamente in un contenitore antimagnetico e antistatico,in grado di rilevare le variazioni accelerative e decelerative gravitazionali create dalle rotazioni accelerative del fascio luminoso di senso orario e antiorario verso l’esterno del contenitore del volano. Tale fenomeno lo si ottiene anche e più intensamente con un secondo volano posto alla distanza di qualche metro posto sul medesimo piano di rotazione e fatto ruotare in accelerazione ,L’effetto è identico al fenomeno del fascio luminoso. All’interno del contenitore il volano accelera e decelera dipendentemente dal senso di rotazione sia del raggio luminoso e in egual modo anche per i volani. A rotazioni uguali il volano rivelatore diminuisce il proprio momento angolare se le rotazioni sono controrotanti il volano rivelatore accelera il suo momento angolare.(interazione gravitocentrifuga) provare per credere.
    http://www.cortesi-gravity.it gcarman@libero.it

  5. Io sapevo che l’efficacia del LHC fosse quella di portare le particelle a velocità molto elevate.
    C’è forse una proporsionalità tra il N° di particelle nell’unnità di superficie e la loro energia cinetica?

    1. L’ energia cinetica e’ data soprattutto dai campi a cui le particelle sono sottoposte. Il fatto di avere un fascio piu’ denso comporta che ci siano probabilita’ piu’ elevate di avere collisioni (perche’ aumenta la sezione d’urto). Il problema e’ che fasci molto densi sono difficili da controllare perche’ possono diventare non trascurabili le interazioni tra le particelle del fascio e si possono avere delle perdite (particelle che escono dal fascio). La buona notizia sta in questo: essere riusciti a controllare un fascio cosi’ denso.

  6. romeo bossoli non capisco secondo il tuo discorso quale sarebbe la scienza pura .Fare altra scienza secondo te non avrebbe senso. E asserisci che non si troverà mai una scienza nuova che funzioni. Ti ricordo una cosa importante: le scoperte fondamentali sono sempre avvenute da autodidatti e i centri scientifici eseguono i miglioramenti .Intanto che continueremo ad accelerare le particelle al LHC ottenendo fasci sempre più densi ecc. dà l’impressione quasi di un senso di smarrimento, prove ontologiche ancora nessuna . Un giorno domandarono ad Einstein il motivo per cui la relatività Generale dopo a tanti anni dalla sua enunciazione non aveva ottenuto nessuna prova ontologica. Rispose . Quando si presenta un fenomeno apparentemente irrisolvibile appare sempre uno sprovveduto che per la scienza ufficiale non sa nulla. Ma risolve il problema e lo brevetta. Porto anche il pensiero del premio Nobel Laughlin ,dopo avere studiato per venti anni la possibile emissione di O.G. da stelle nane a milioni di anni luce dalla terra.Dopo essere stato insignito del premio nobel per la fisica 1998 quasi a pentirsi asserisce che dobbiamo cambiare tutto ciò che pensiamo delle fondamentali leggi fisiche perché i più grandi misteri della fisica non sono da ricercare da qualche parte laggiù ai limiti estremi dell’universo, ma nella nostra quotidianità. Comunque speriamo vada tutto bene.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: