APPROFONDIMENTO

Effetti collaterali

Escono simultaneamente due ricerche sulla sterilità maschile, però in specie diverse.

Il CORRIERE DELLA SERRA – Durante il congresso della Società internazionale di tossicologia e chimica ambientale che si è svolto dal 7 all’1 novembre a Portland, nell’Oregon, Melissa Schultz ha presentato il risultato dei suoi esperimenti con battericidi e fungicidi usati in detersivi, saponi, disinfettanti, dentifrici, cosmetici, calzini, sacchi per l’immondizia ecc. Finiscono nelle fognature e da lì in laghi e fiumi dove in media se ne trova da 0,01 a 0,5 parti per miliardo. E’ bastata questa minuscola dose negli acquari perché i pesciolini Pimephales promelas, dei ciprinidi, smettessero di difendere dagli altri maschi la nicchia che preparano prima di riprodursi, e anche di interessarsi alla riproduzione. Con evidenti conseguenze sulla catena alimentare.

Negli stessi giorni, la rivista Human Reproduction ha anticipato on-line la ricerca di David Kristensen e altri biologi danesi, francesi e finlandesi coordinati da Henrik Leffers, del Rigshospitalet di Copenaghen. Hanno chiesto a circa 2.700 donne incinte o che avevano partorito di recente di riferire quanti analgesici blandi, come il paracetamolo o l’ibuprofene, assumevano durante la gravidanza. Fra le danesi – e non fra le finlandesi – hanno trovato una correlazione tra l’assunzione di questi farmaci durante il secondo trimestre di gravidanza e il rischio di sottosviluppo dell’apparato riproduttivo nei figli maschi, un rischio maggiore se la madre assumeva più analgesici nello stesso periodo. L’effetto anti-androgenico dei farmaci è stato confermato con esperimenti sui ratti, adesso resta da scoprire perché i finlandesi non ne risentono.

1 Commento

  1. Ormai abbiamo abbiamo avvelenato tutti i corsi acqua,fiumi laghi mari e oceani.Abbiamo scambiato per progresso tutto quello che abbiamo inventato e abbiamo fatto figli senza regole non sapendo che il Pianeta Terra non ha più terre da scoprire.La colpa non è nostra ,ma di quelli che ci governano,ma ora il danno è tratto e dobbiamo fare riforme restrittive che scontentano tutti.Bisogne ridurre il consumo di concimi chimici che fanno nascere i pesci sterili e deformi e sopratutto dobbiamo incentivare il solare,ma i ricavi petroliferi sono più alettanti.In italia non abbiamo centrali solari ma udite,udite il Vaticano ha fatto una centrale a pannelli solari che ha reso la Città del Vaticano auto-sufficente per l’energia elettrica,Ma ,non .solo nel 2015 farà una centrale solare su 300 Ha.e diventerà come l’ENEL

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: