CRONACA

La forma dell’elettrone: uovo o sfera

Non è stata trovata nessuna distorsione del momento elettrico di dipolo, cosa che significherebbe che l’elettrone è perfettamente sferico, come previsto dal modello standard delle particelle elementari e in disaccordo con la teoria della supersimmetria.

NOTIZIE – Siamo di nuovo ai confini tra teorie che dovrebbero definire la struttura della materia e, in ultima analisi, quella dell’Universo. Questa volta il discrimine sarebbe la misura, anche minima, di una deviazione dalla forma sferica dell’elettrone. Nel caso si fosse trovata una deformazione, la teoria della supersimmetria avrebbe ricevuto un forte sostegno. Invece, secondo una ricerca condotta da J. J. Hudson e colleghi dell’Imperial College di Londra, e pubblicata su Nature, la particella portatrice della carica elettrica negativa sarebbe proprio sferica.

Il modello standard è la teoria, nata negli anni Settanta del secolo scorso, che unifica le forze elettromagnetiche, deboli e forti ed è basata sull’esistenza dei quark. La supersimmetria è un’estensione del modello standard che prevede che per ogni particella esista una sua controparte supersimmetrica, chiamata superpartner, con caratteristiche determinate. Per ora non sono stati trovati superpartner, e quindi non ci sono prove a favore della supersimmetria.

La misura della sfericità dell’elettrone è stata eseguita usando delle molecole ultrafredde di fluoruro di itterbio dove il centro tra cariche positive e cariche negative non coincide e crea così un dipolo. La forma del dipolo dipende dall’eventuale asimmetria dell’elettrone. I ricercatori hanno messo le molecole in un campo elettrico e in un campo magnetico, e hanno misurato la variazione dello spin al variare dei campi applicati: questo perché le variazioni dello spin dipendono dalla forma della particella.

La sfericità dell’elettrone è stata misurata con una precisione di 1018, la massima consentita dagli esperimenti attuali. Il discrimine posto dalla supersimmetria è ta 1014 e 1019, quindi sebbene questo esperimento abbia messo in difficoltà la supersimmetria c’è ancora un margine di un ordine di grandezza e non è ancora possibile discriminare tra modello standard e supersimmetria. Serve un passettino in più.

1 Commento

  1. Non condivido la maniera di fare ricerca scientifica oggi. Cercare solamente delle risposte che confermino le nuove teorie ancora non certificate o fatti solo ipotizzati come: modello standard, supersimmetria, teoria del tutto, Big Bang, materia oscura, buchi neri, massa mancante ecc. ecc.. semplicemente perché sono in sintonia con la relatività generale, questo comportamento lo trovo veramente poco scientifico.
    Tutti noi sappiamo bene che la relatività generale è in evidente conflitto con la fisica quantistica (questa si molto precisa), però di questo noi non ci turbiamo, non andiamo a verificare perché ci sono chiari contrasti tra la fisica quantistica e la relatività generale, Noi non cerchiamo di capire come si comporta veramente la luce con la velocità aggiuntiva della sorgente o la luce in relazione alla gravità, dato che questi fatti sono la base della teoria della relatività generale, ce ne guardiamo bene. Preferiamo camminare nel labirinto costruito dalla relatività generale, sperando che un giorno un eletto ci indichi la strada giusta per l’uscita.
    Facciamoci liberamente delle domande, cerchiamo liberamente delle risposte. http://www.lafisica.info la vostra logica è capace di sorprendervi se lasciata libera dai tabù.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: