mercoledì, Dicembre 19, 2018
CRONACA

Meno male che ci sono i nonni

NOTIZIE – Le edredoni appioppano i figli ai nonni, a loro insaputa, quando sono ancora solo degli ovetti. Questa è la conclusione a cui è giunto Ralph Tiedemann, dell’Università di Potsdam, dopo aver esaminato dal punto di vista genetico il grado di parentela fra gli individui di due colonie di questa specie e le loro nidiate. Una strana forma di parassitismo, o meglio probabilmente una declinazione della “kin selection” che secondo Tiedemann avebbe lo scopo di massimizzare la fitness della discendenza.

Stando ai campioni di sangue prelevati dalle femmine delle due colonie esaminate (una che nidifica nel sud del Mar Baltico e l’altra nell’Islanda del nord), 140 esemplari, e dei loro 506 anatroccoli, un terzo dei nidi conteneva almeno un uovo parassita, e in questi nidi circa il 40% dei piccoli era di una femmina diversa dalla padrona. Quello che è davvero interessante è che questa specie tende a scaricare l’uovo non nel nido di qualche sconosciuto, ma in quello di qualche parente, meglio se più anziano, meglio se molto stretto (le nonne quindi sono molto gettonate).

Le anatre anziane tendono a fare meno uova di quelle giovani ma sono anche quelle che ricevono più figli adottivi: solo un nido su sei fra le femmine giovani contiene uova extra, mentre la proporzione raddoppia se le femmine hanno più di sette anni. In tre nidi addirittura non si è trovato un solo anatroccolo che fosse davvero il figlio della padrona (in questo caso la “mamma” era sempre più vecchia di 15 anni).

Secondo Tiedmann il vantaggio è evidente: le anatre più giovani tendono a fare più uova di quante se ne possano effettivamente occupare, per cui andrebbero sprecate. Le più anziane invece sono meno fertili, ma allo stesso tempo capaci di allevare i piccoli una volta nati. La ripartizione delle uova garantirebbe la sopravvivenza di un maggior numero di anatroccoli. Le nonne che si occupano dei nipoti in questo modo contribuirebbero alla trasmissione di parte del loro geni alle generazioni future.

Federica Sgorbissa
Federica Sgorbissa è laureata in Psicologia con un dottorato in percezione visiva ottenuto all'Università di Trieste. Dopo l'università, ha ottenuto il Master in comunicazione della scienza della SISSA di Trieste. Da qui varie esperienze lavorative, fra le quali addetta all'ufficio comunicazione del science centre Immaginario Scientifico di Trieste e oggi nell'area comunicazione di SISSA Medialab. Come giornalista free lance collabora con alcune testate come Le Scienze e Mente & Cervello.

2 Commenti

  1. Ciao Federica,
    arriva il precisino. Le anatre eider sono in italiano edredoni (Somateria mollissima), che si vedono anche dalle nostre parti (golfo di Trieste, per es.) in inverno. Nidificano solo al nord e il loro piumino serve per fare cuscini e giacche a vento costosissime.

    Marco Ferrari

    1. Grazie… la mia ricerca del nome italiano ha dato frutti errati dunque… ora correggo 🙂

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: