La scienza è cultura: McEwan sul Guardian

ARTE, MUSICA E SPETTACOLI – Nel Regno Unito (e più in generale in tutto il mondo anglofono, e non solo) quando si parla di cultura si include automaticamente anche il sapere scientifico. Nel nostro Paese questo accade più raramente e forse l’ultimo più grande letterato nostrano che ha fatto del sapere scientifico parte della sua formazione è stato l’amatissimo Italo Calvino. Nel mondo anglosassone invece non è infrequente, e così capita di scovare sulle pagine del  Guardian (un quotidiano diciamo – tagliando un po’ con l’accetta – corrispondente della nostra Repubblica) un lungo articolo di Ian McEwan, celebre scrittore, autore di capolavori come “il Giardino di cemento” e più recentemente di “Solar”, che traccia un paralellismo fra il processo creativo in letteratura e nella scienza, concentrandosi su due figure chiave: Charles Darwin e Albert Einstein.

Più nello specifico, McEwan racconta dell’urgenza di essere primi stando però “seduti sulle spalle dei giganti”. Sia Darwin che Einstein hanno infatti pubblicato i loro lavori più importanti perché temevano di perdere il primato: Darwin per via di un paper che Alfred Wallace stava per pubblicare, Einstein per David Hilbert che rese pubblica poco prima di Einstein la formulazione matematica della relatività generale (teoria formulata da Einstein).

Entrambi, continua McEwan, si impegnarono a fondo per essere i primi a rendere pubbliche le teorie di cui erano davvero i padri fondatori, anche se come accade sempre nel pensiero scientifico i loro pensieri non erano che il risultato delle conoscenze accumulate nei periodi precedenti, e che se non l’avessero fatto Darwin e Einstein molto probabilmente prima o poi qualcun altro ci sarebbe arrivato comunque.

McEwan racconta il tormento di Darwin quando riceve l’articolo di Wallace che gli chiede di recapitarlo a Charles Lyell, celebre geologo, perché questi lo pubblichi. Darwin è profondamente scosso, l’articolo di Wallace ricapitola succintamente e molto chiaramente tutto quello che lui aveva elaborato nei decenni precedenti ma mai pubblicato (e cioè la teoria dell’evoluzione delle specie) e sa che se Wallace l’avesse pubblicato gli avrebbe soffiato il primato. Darwin potrebbe far sparire l’articolo di Wallace, ma è un uomo d’onore (e nel bel mezzo di un terribile periodo personale, con le perdita del figlio di soli due anni, il piccolo Charles) e quindi inoltra l’articolo a Lyell. Per il resto dell’avvincente vicenda consiglio la lettura dell’articolo di McEwan (che in realtà è la riscrittura di un intervento dello scrittore in una lecture tenuta a Santiagio del Cile). Enjoy.

Crediti immagine: Thesupermat

Informazioni su Federica Sgorbissa ()
Federica Sgorbissa è laureata in Psicologia con un dottorato in percezione visiva ottenuto all'Università di Trieste. Dopo l'università, ha ottenuto il Master in comunicazione della scienza della SISSA di Trieste. Da qui varie esperienze lavorative, fra le quali addetta all'ufficio comunicazione del science centre Immaginario Scientifico di Trieste e oggi nell'area comunicazione di SISSA Medialab. Come giornalista free lance collabora con alcune testate come Le Scienze e Mente & Cervello.

1 Commento su La scienza è cultura: McEwan sul Guardian

  1. icittadiniprimaditutto // 27 marzo 2012 alle 10:45 // Rispondi

    Reblogged this on i cittadini prima di tutto.

1 Trackback / Pingback

  1. La scienza è cultura: McEwan sul Guardian - Cronaca | Allnewz.it

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: