CULTURA

Il modello Sabeti

CULTURA – La Commissione Europea ha ritirato lo spot della campagna “Science: it’s a girl thing!” lanciata giovedì scorso, dopo lo scandalo suscitato dalle immagini di ragazzine dall’aspetto frivolo e spensierato, e dalla frase sul sito web ” la scienza… sta alla base di cosmetici, moda, musica e molto altro”.

Il video e la frase (ora cambiata), dicono le critiche, rafforza gli stereotipi invece di ribaltarli. Né l’uno né l’altra soffrono di un eccesso di creatività, sembrano un’ aggiunta un po’ kitsch a una campagna che per il resto segue le “buone pratiche” consolidate.

Le tre Barbie del video saranno politicamente scorrette, ma che cosa rafforzano di preciso? Nei media come nella società in generale, lo stereotipo prevalente è tuttora uno scienziato, meglio se anziano. Modello Albert Einstein e Umberto Veronesi. Se viene rappresentato uno scienziato di sesso femminile in età lavorativa, protuberanze toraciche e altre differenze vengono celate sotto camice, occhiali, cuffie. Le parti del volto che si riescono a distinguere sono prive di trucco, l’espressione è ispirata, quasi sofferente. Modello Santa Teresa d’Avila e Marie Curie.

Nella realtà, i modelli sono altri: Ilaria Capua e Pardis Sabeti, per esempio.

Ilaria è nota. Pardis del Sabeti Lab è la matematica-genetista, ex-campionessa universitaria di tennis del MIT, ex allenatrice della squadra calcio femminile a Oxford, terza donna nella storia di Harvard ad aver ottenuto un dottorato summa cum laude dalla Scuola di medicina, a 28 anni Principal Investigator di HAPMAP, cantautrice e leader del gruppo Thousand Days. Scollata, brillante, modesta – si definisce “jack of all trades, master of none” – e con un’onestà e un rigore a prova di bomba. O l’astrofisica Carolyn Porco, prima direttrice scientifica della grandiosa missione Cassini, che dopo dieci minuti tremendi senza l’ombra di un segnale, quando la sonda Huygens si è posata su Titano è corsa a piangere nere lacrime di rimmel e a riderne nel bagno per signore dell’ESA, a Darmstadt.

Alle ragazze che vorrebbero diventare ricercatrici, le critiche scandalizzate ricordano parecchie cose. Per esempio che nei mestieri in cui la mente conta più del fisico essere belle è un handicap. Che comportarsi come la maggior parte delle adolescenti europee  giovando con gli stereotipi da svampite è incompatibile con la speranza di cambiare il mondo.

Alla Commissione Europea ricordano che nei suoi spot le donne devono indossare il burka.

Crediti immagine: x-ray delta one (Flickr.com)

10 Commenti

  1. Non sono d’accordo, Ci sarebbe bastato che nello spot avessero mostrato ragazze normali, come noi tutte…e che fare scienza potesse dire qualcosa in piu’ che produrre make up

  2. Sylvie, non sono tanto d’accordo….Non voglio dire che le giovani scienziate non possano essere belle, è però poco probabile che siano delle oche complete in tacco 12, così come i giovani scienziati maschi nella media non sono palestrati e lampadati….Poi scienziate belle ci sono e ci sono sempre state, però di solito non giocano con lo stereotipo da svampite ( vedi proprio la bella Pardis Sabeti: http://en.wikipedia.org/wiki/Pardis_Sabeti ). Non confondiamo il diritto sacrosanto di mettere il rossetto o a far colare il rimmel – però, una astrofisica che non conosce il mascara impermeabile? mah…- con l’obbligo di usarle,pena essere definite maschiacci,poco femminili e quant’altro….

  3. @Mauro
    Infatti in redazione sospettano che la Commissione abbia scelto la “pubblicità virale”.
    Ingannevole? Non disperare. Da teenager giravamo in hot pants e false ciglia, ma alcune di noi sono diventate ricercatrici lo stesso!

    @Paola
    La redazione mi ha tolto la foto di Pardis tutta truccata su sfondo di marcantonio tatuato – non capisco perché. Fra gli stereotipi che le piacciono c’è anche la Dark Lady e l’androgina tipo Patty Smith.
    Detto tra noi, nemmeno il fisico dei maschi è rimasto quello del prof. Veronesi, basta vedere quanti bermuda e t-shirt che fasciano i pettorali alle conferenze internazionali.

  4. Personalmente non la trovavo così “offensiva” o “sessista”, a dire il vero ne ho viste decisamente peggiori (e almeno qui “tette e culi” sono coperti!). Anzi, la trovo ironica e divertente e comunque abbastanza “reale” sul fatto che la scienza è alla base di ciò che usiamo quotidianamente; è un approccio informale alla realtà di un laboratorio…
    PS: avete notato che anche lo scienziato è un modello? Anche questo è sessismo, eppure di lui non si parla, se non una sola riga nell’articolo del Telegraph!

  5. […] Il modello Sabeti « Oggi Scienza Share this: This entry was posted in Senza categoria and tagged commissione europea, scienza, spot by varlottaang. Bookmark the permalink. /* […]

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: