CRONACA

Quando ri-nasce una stella

CRONACA – L’hanno già ribattezzata “la stella che visse due volte”. Il suo vero nome è Abell 30 e si tratta di una stella morente che, dopo aver scagliato nello spazio circostante i suoi gusci gassosi – segno di una morte imminente e fine prevista anche per il nostro Sistema Solare tra qualche miliardo d’anni – è improvvisamente tornata a brillare. Lo si vede chiaramente, grazie agli occhi superpotenti dei telescopi Hubble e XMM-Newton, che sono riusciti ad ottenere un’immagine di questa nuova vita.
Abell, stella molto simile al nostro Sole e distante da noi 5.500 anni luce, morì la prima volta 12.500 anni fa, quando il suo guscio esterno fu spazzato via da un forte vento stellare. Poi, però,
circa 850 anni fa, tornò in vita grazie all’elio e al carbonio che ricominciarono a bruciare creando al tempo stesso un’accelerazione del vento della stella fino a raggiungere i 4.000 chilometri al secondo, oltre 14 milioni di chilometri all’ora. Il forte vento bombarda i grumi di materiale circostante con grande intensità e, come chiariscono gli autori della scoperta nell’articolo pubblicato su Astrophysical Journal, potrebbe rappresentare un’istantanea della nostra fine: quando il nostro Sole emetterà i suoi ultimi respiri i suoi violenti venti stellari e la radiazione che emetterà faranno esplodere ed evaporare qualsiasi pianeta eventualmente ancora in vita.

Fonte: ESA/XMM-Newton; NSF/NOAO/KPNO; NASA/CXC/IAA-CSIC/M. Guerrero et al; NASA/STScI

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: