ricercaULISSE

Agricoltura: origine della civiltà anche in Sudamerica

corn-60106_640RICERCA – La civiltà di Norte Chico è stata una complessa società pre-Colombiana formata da alcune decine di popolazioni prevalentemente stanziali che abitarono nell’omonima regione costiera del Perù centro-settentrionale. Questa civiltà, considerata il più antico esempio di organizzazione sociale umana di questo tipo in America Latina, prosperò tra il 3.000 e il 1.800 A.C.. Sebbene siano note numerose informazioni sullo stile di vita degli abitanti della civiltà di Norte Chico, rimangono ancora diversi interrogativi, che riguardano in particolare quali fonti di sostentamento promossero e garantirono l’origine della civilizzazione in questa area geografica. Questa società si basava ancora prevalentemente su risorse provenienti dal vicino Oceano Pacifico oppure faceva dell’agricoltura, e in particolare della coltivazione del mais (Zea mays), la sua principale attività?

Diverse nuove evidenze archeologiche, raccolte in 13 siti differenti e presentate sulla prestigiosa rivista Proceedings of the National Academy of Sciences USA, farebbero propendere per la seconda ipotesi: in primo luogo, infatti, i resti palinologici (pollini fossili) indicano una massiccia presenza di mais nei suoli localizzati datati in quel periodo nell’area di studio, indicante una sua probabile coltivazione diffusa. Inoltre, sia i coproliti umani (escrementi fossili) che gli strumenti litici contengono elevate concentrazioni delle sostanze presenti in questo alimento, ad ulteriore dimostrazione del consumo abituale da parte delle popolazioni del tempo. Secondo gli autori dello studio, i risultati forniscono quindi concrete prove che il mais fosse ampiamente coltivato, venisse processato e lavorato per poi essere consumato come principale componente della dieta.

Come le altre grandi civiltà del passato del ‘vecchio mondo’ (Mesopotamia, Egitto, India e Cina), anche in questo caso l’addomesticamento delle piante a scopo alimentare garantì una solida base economica tale da consentire l’origine e il successivo fiorire di una complessa società centralizzata.

Riferimento:
Jonathan Haas, Winifred Creamer, Luis Huamán Mesía, David Goldstein, Karl Reinhard, and Cindy Vergel Rodríguez. Evidence for maize (Zea mays) in the Late Archaic (3000–1800 B.C.) in the Norte Chico region of Peru. PNAS, February 25, 2013 DOI: 10.1073/pnas.1219425110

Crediti immagine: harry22, Pixabay

Andrea Romano
Biologo e giornalista scientifico, lavora come ecologo all'Università degli Studi di Milano, dove studia il comportamento animale. Scrive di animali, natura ed evoluzione anche su Le Scienze e Focus D&R. Dal 2008, è caporedattore di Pikaia - portale dell'evoluzione

1 Commento

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: