mercoledì, Dicembre 19, 2018
LA VOCE DEL MASTER

Invisibilità del futuro

LA VOCE DEL MASTER – In un prossimo futuro il mantello dell’invisibilità usato da Harry Potter per le sue scorribande potrebbe non essere solo magia. Un team di ricercatori dell’Università del Texas, ad Austin, ha sviluppato un nuovo tipo di nano superficie: uno strato ultrasottile chiamato “meta screen” avente uno spessore di pochi micrometri e in grado di nascondere gli oggetti tridimensionali dalle microonde che li colpiscono. Queste microonde, colpendo l’oggetto, lo rendono visibile non a occhio nudo, ma tramite speciali apparecchi che sono in grado di rilevare quando qualcosa viene colpito da onde con lunghezze d’onda molto grandi. Attraverso questa nuova tecnologia, gli oggetti risultano invece trasparenti da tutte le direzioni e da tutte le posizioni in cui si trovano gli strumenti d’osservazione.

Lo studio è stato presentato nei giorni scorsi, presso l’ Institute of Physics e la German Physical Society ed è stato recentemente pubblicato sulla rivista New Journal of Physics.

Gli oggetti vengono rilevati quando le onde – che si tratti di suono, luce, raggi X o microonde – rimbalzano sulla loro superficie così da permettere ai nostri occhi di elaborare le informazioni ricevute. Da anni uno degli interessi di ricerca degli scienziati è al possibilità di rendere invisibile un oggetto tridimensionale, ma mentre gli studi precedenti si sono focalizzati sul cercare di deviare o piegare le onde in arrivo intorno a un oggetto, ora invece gli scienziati hanno messo a punto una diversa tecnica di occultamento. È stato preso un  tubo cilindrico di 18 centimetri e lo si è ricoperto di un’unica  meta superficie ultrasottile realizzata attaccando strisce di nastro di rame su di una copertura sottile di policarbonato. Questa superficie molto flessibile si adatta alla forma dell’oggetto, avvolgendolo. Inoltre, quando essa viene toccata da un’onda luminosa esterna, produce come risposta un campo la cui dispersione è “opposta” a quella delle onde luminose che mirano a colpire l’oggetto. In questo modo le microonde luminose vengono annullate, creando come effetto complessivo proprio la trasparenza e l’invisibilità dell’oggetto da tutti gli angoli di osservazione.

Le applicazioni di questa nuova nanotecnologia potranno in futuro essere molteplici, come ad esempio la progettazione di dispositivi di rilevamento non invasivi nel campo della ricerca biomedica.

Il paper è consultabile qui.

Crediti immagine: Wikimedia Commons

 

Cristina Da Rold
Giornalista freelance e consulente nell'ambito della comunicazione digitale. Soprattutto in rete e soprattutto data-driven. Lavoro per la maggior parte su temi legati a salute, sanità, epidemiologia con particolare attenzione ai determinanti sociali della salute, alla prevenzione e al mancato accesso alle cure. Dal 2015 sono consulente social media per l'Ufficio italiano dell'Organizzazione Mondiale della Sanità. Il mio blog: www.cristinadarold.com Twitter: @CristinaDaRold

1 Commento

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: