mercoledì, Settembre 30, 2020
ricerca

Convinzioni mortali

OGGISCIENZA TV – La conoscenza dei complessi meccanismi della mente, la loro interazione con il corpo e lo stretto rapporto psiche/ambiente, sono argomenti tanto affascinati quanto ancora misteriosi.
In rari casi questo delicato sistema di influenze tra mente, corpo, ambiente si manifesta in disagi psichici in cui una visione distorta della realtà si ripercuote anche a livello fisiologico.
È il caso della Sindrome di Cotard, o delirio di negazione. Non esistono più di cento casi in letteratura che descrivano questo tipo di disturbo che porta a drammatiche convinzioni come, per esempio, quella di non avere un nome, un’anima; di non essere mai nato, di non aver mai avuto madre, padre, figli; di avere perso tutti gli organi vitali, cuore, intestino, testa o tutto il proprio sangue, o addirittura di essere “morto” fino al punto di percepire persino l’odore della propria carne in decomposizione.
Ma cosa genera questi disturbi e come possono essere curati? Ne parla Gianluca Serafini dirigente medico dall’Azienda Ospedaliera Sant’Andrea di Roma.

5 Comments

  1. Quindi se Anima non esiste, tutti gli psicologi come Freud Jung Hillman Groeddek sono ciarlatani. Sillogismo aristotelico.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Anna Sustersic
Mi occupo di comunicazione scientifica legata principalmente a temi di conservazione della natura e attualmente collaboro in Tanzania con PAMS Foundation sviluppando un progetto dedicato all’uso della comunicazione per la promozione della coesistenza fra uomo a fauna selvatica. Dopo il dottorato in Scienze ambientali, ho ho conseguito un master in comunicazione della scienza presso la SISSA di Trieste con una tesi sulla sensibilizzazione dei giovani alle tematiche scientifiche. Ho lavorato come educatore ambientale presso diverse aree protette. Successivamente mi sono interessata alla scrittura come mezzo per la divulgazione scientifica legata a temi naturalistici/conservazionistici. In quest’ambito sono stata collaboratrice e consulente presso musei scientifici, testate giornalistiche nazionali e internazionali, aree protette, case editrici scolastiche e Istituzioni trattando temi legati alla natura e alla sua tutela. Ho scritto diversi libri e guide per sensibilizzare e divulgare temi legati all’ambiente e la sua tutela: "L’anima Perduta delle Montagne" (Idea Montagna – 2019) e, con Filippo Zibordi, "Sulla Via dell’orso. Un racconto Trentino di uomini e natura" (Idea Montagna, 2016) e "Parco Adamello Brenta – Geopark" (PNAB – 2018).
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: