mercoledì, Dicembre 19, 2018
CRONACA

Sei gradi di separazione tra pesci

3837233042_7ba2d20445_zCRONACA – Tra Kevin Bacon, ovvero il cattivo Sebastian Shaw del film “X-Men L’inizio”, e Gandalf il grigio ci sta solo una persona: Donna Goodhand. Seguendo la Teoria dei sei gradi di separazione i passaggi che legano i due attori sono solo due, sebbene non abbiano mai lavorato insieme e abbiano età completamente diverse. Anche in natura ci sono legami inaspettati, come quelli che legano il tonno al cavalluccio marino o il pesce spada alla sogliola. È quello che ha scoperto un gruppo di ricercatori dell’Università di Davis in California, del Dipartimento di Evoluzione ed Ecologia; lo studio, pubblicato lo scorso 15 luglio, è uscito sulla rivista online PNAS.

Come ha affermato Peter Wainwright, docente di morfologia funzionale presso il dipartimento e alla guida dello studio, è proprio la relazione tra il tonno (e le specie affini) e il cavalluccio marino (e specie affini) ad averlo sorpreso di più: “questa relazione così vicina mostra come una veloce evoluzione sia in grado di cambiare l’anatomia degli organismi – non ci potrebbero essere due pesci più diversi tra loro: il tonno è uno fra i più grandi predatori marini, è fra i pochi pesci a poter autoregolare la propria temperatura corporea a 20 gradi ed è fra le specie marine più veloci. Il cavalluccio invece è di dimensioni ridotte (raggiunge al massimo i 35 centimetri), è l’unico pesce ad avere una coda prensile ed è fra i pesci più veloci nel nutrirsi”.

Lo studio ha portato alla realizzazione di un diagramma filogenetico (come si può osservare a pagina 3 della pubblicazione) sulla base di 10 geni; diagramma che mostra le relazioni di discendenza tra i suoi componenti, in questo caso 500 famiglie (le più rilevanti) delle 650 che compongono la classe degli Attinopterigi, i cosiddetti pesci dalle pinne raggiate – come appunto il tonno e il pesce spada – e 37 fossili per coprire le ere più remote.
La ricerca ha mostrato come i pesci spada e i marlin siano geneticamente più vicini ad esempio ai barracuda; questa correlazione indica come l’evoluzione sia convergente, poiché sia il tonno sia i pesci spada sono pesci a sangue caldo pur avendo evoluto questa caratteristica separatamente da antenati diversi.

Lo studio è indicativo proprio per la vastità del campione e per il grande numero di animali che questo rappresenta: la classe degli Attinopterigi è tra le più numerose, conta infatti ben 18 mila specie, rappresentando circa un terzo di tutti i vertebrati della terra.
Oltre ad aver scoperto queste inaspettate relazioni di parentela lo studio ha permesso di capovolgere le convinzioni dei ricercatori riguardo all’evoluzione di un particolare tratto dei pesci: la mascella faringea. I pesci hanno infatti due mascelle, una esterna visibile (la bocca che vediamo noi) e una interna, detta appunto faringea, che in alcuni esemplari si è fusa in una sola struttura ossea e viene utilizzata per trattenere la preda e spingerla verso l’esofago. Finora si era pensato che questo tratto fosse stato evoluto da una specie e poi tramandato con l’evoluzione: grazie a questa nuova mappatura è stato possibile dimostrare come la mascella faringea unita si sia evoluta separatamente in differenti gruppi di pesci almeno sei volte.

L’obiettivo, afferma Peter Wainwright è “studiare il cammino di invasione e conquista delle acque dolci e marine, delle barriere coralline e delle profondità dell’oceano di questo enorme gruppo di pesci, che ha conquistato praticamente qualsiasi habitat loro disponibile”.

Crediti immagine: Antonio Colucci, Flickr

Chiara Forin
http://www.linkedin.com/profile/view?id=95797174&trk=tab_pro

2 Commenti

  1. Reblogged this on and commented:
    e se vi dicessi che il tonno fosse piu’ imparentato al cavalluccio marino che al pesce spada mi credereste? Beh, adesso una ricerca lo dimostra..

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: