ATTUALITÀ

Approvata la legge “restringi-vivisezione”

5741789396_3135059751_zATTUALITÀ – Non sono servite a molto le audizioni di alcuni noti scienziati che chiedevano di ridiscutere l’articolo 13 della Direttiva europea sulla protezione degli animali utilizzati a fini scientifici. Il 1 agosto infatti la Camera dei Deputati ha approvato in via definitiva il provvedimento che di fatto limiterà non poco la ricerca biomedica italiana. La normativa – già restrittiva di per se – poteva essere semplicemente recepita, senza modifiche, come hanno fatto la maggior parte dei Paesi europei, tra cui Gran Bretagna, Svezia, Francia, Belgio, Spagna e Danimarca. In questo modo la legge – nonostante abbia suscitato la gioia di Lav e altre associazioni contro la “vivisezione” – pone il nostro Paese in difficoltà su più fronti: prima di tutto si rischia di andare incontro a un’infrazione perché la legge italiana va in una direzione opposta a quella europea; in secondo luogo si rischia di perdere ricercatori che non potranno portare avanti il proprio lavoro, e competitività in un settore già fortemente tartassato in Italia. Infine, e non per ultimo, il rallentamento della ricerca biomedica nostrana compromette la comprensione di malattie ancora senza cura e lo sviluppo di nuove terapie.

La direttiva europea restrittiva vieta gli xenotrapianti – utilizzati per studiare lo sviluppo di tumori e metastasi ma anche valvole cardiache molto compatibili – la ricerca sulle sostanze da abuso – hanno problemi di dipendenza circa due milioni di persone in Italia – e sottopone a restrizione la “generazione di ceppi di animali geneticamente modificati” per cui ogni caso andrà valutato di volta in volta. Assolutamente contraria la comunità scientifica di cui si è fatto portavoce Silvio Garattini, farmacologo e direttore dell’Istituto Mario Negri, che in un’intervista al Correre della Sera ha dichiarato che se questa legge venisse applicata alla lettere «non potremo più sperimentare tumori sui topi, trasferire elementi di maiale, non potremo più condurre studi sulle droghe e saremo impediti anche nell’uso o meno dell’anestesia: una vera stupidaggine. Non potremo neanche più competere su questo fronte con altri progetti europei».

L’ultima parola da parte delle Camere arriverà comunque entro la fine dell’anno e intanto la virologa Ilaria Capua la scorsa settimana ha presentato, con Scelta Civica, un ordine del giorno approvato dal Governo, che lo impegna a recepire la Direttiva europea senza ulteriori restrizioni. «Sono orgogliosa di aver condotto questa battaglia in nome dei ricercatori italiani» ha dichiarato la Capua. «La mia professionalità specifica in questo settore mi ha permesso di rappresentare la posizione del mondo della ricerca, troppo spesso dimenticata».

Non tutto è ancora perduto, quindi, per la ricerca italiana e intanto la Lav, soddisfatta per questo provvedimento, punta già a una legge che vieti del tutto la “vivisezione”: «Purtroppo in Parlamento non era all’ordine del giorno il no totale alla vivisezione, il nostro obiettivo – ha dichiarato la Lav alle agenzie – ma l’approvazione dell’articolo 13 rappresenterà una svolta in Italia e un esempio per tanti altri Paesi».

Crediti immagine: angeladellatorre, Flickr

4 Commenti

  1. L’articolo mi pare piuttosto impreciso.
    Non è la direttiva europea a vietare gli xenotrapianti e non è contro “l’articolo 13 della direttiva” che protestano gli scienziati.
    E’ invece la norma votata in Italia che restringe la direttiva in modo insensato, facendo sì che per paradosso in Italia si possa macellare e mangiare un animale per il solo piacere del palato e non si possa invece usare un tessuto di un animale per salvare delle vite.
    Mettiamo il capriccio al di sopra della vita stessa… siamo Italiani, dobbiamo farci riconoscere.

    E poi finiamola una buona volta di parlare della “vivisezione”: perché altrimenti cambiamo il vocabolario e chiamiamo “reparto vivisezione” tutte le chirurgie degli ospedali italiani, in cui gli umani vengono sottoposti al taglio e alla ricucitura da vivi, che è la definizione di “vivisezione”.
    La ricerca non è solo chirurgia, anzi!
    Non prestiamoci il gioco della Lav e altre associazioni, che pur di raccogliere donazioni sono disposte a calpestare la verità e guardiamo piuttosto all’impegno onesto delle associazioni animaliste europee, con la cui collaborazione è stato steso il testo della direttiva.
    I principali esponenti degli animalisti italiani, o almeno quelli che più si sentono parlare, dimostrano di non averla nemmeno letta la direttiva!
    Ecco, per chi volesse onestamente informarsi, il testo è qui: http://eur-lex.europa.eu/LexUriServ/LexUriServ.do?uri=CELEX:32010L0063:IT:HTML
    e semplici risposte ad alcune domande comuni si trovano qui:
    http://difesasperimentazioneanimale.wordpress.com/2012/02/14/le-faq-della-sperimentazione-animale/

    Infine, visto che qualcuno sostiene che la sperimentazione su un organismo completo è sostituibile da altri metodi e a molti sfugge il concetto di complessità, ho scritto qualche riga per cercare di chiarire questo concetto: http://www.reghellin.it/2013/metodi-sostitutivi-e-complessita-emergente/

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: