mercoledì, Dicembre 19, 2018
ricerca

Aquile a caccia di cervi

Aquila_chrysaetos_FlickrRICERCA – Una carcassa di cervo con evidenti segni di predazione nelle fredde foreste russe non sarebbe nulla di speciale, almeno se il predatore in questione fosse un grosso mammifero carnivoro, quale un orso, un branco di lupi o una rara tigre siberiana. Ma quando viene accertato, con tanto di testimonianze fotografiche, che la sua morte è stata causata da un uccello rapace, la situazione cambia.

Un simile scenario è stato recentemente documentato da Linda Kerley, biologa presso la Zoological Society of London, nel corso delle sue ricerche nel Distretto Federale dell’Estremo Oriente in Russia. Una fototrappola, posizionata per catturare le rare immagini della furtiva tigre siberiana, ha invece scattato immagini uniche: un’aquila reale (Aquila chrysaetos) all’attacco di un sika, o cervo del Giappone (Cervus nippon). La sequenza delle tre fotografie (foto1, foto2, foto3) che ritraggono la predazione hanno già fatto il giro del mondo e sono state dettagliatamente descritte dalla stessa biologa in un articolo pubblicato sull’ultimo numero del Journal of Raptor Research.

“Ho trovato la carcassa di un cervo, ma non c’era alcuna evidenza della presenza di grossi carnivori nei paraggi – confessa Linda Kerley – Sembrava che il cervo avesse all’improvviso interrotto la sua corsa e fosse morto sul colpo. Solo dopo aver visualizzato le fotografie mi sono resa conto di quanto era accaduto, e non potevo crederci”.

Sebbene sporadicamente siano stati segnalati attacchi da parte degli uccelli rapaci nei confronti di ungulati di grosse dimensioni, si tratta del primo caso osservato nella regione russa e del primo così ben documentato. Solitamente, infatti, le aquile reali, che possono avere un’apertura alare di oltre 2 metri di lunghezza, si nutrono di prede di dimensioni più piccole, quali roditori, lagomorfi ed altri uccelli, e solo raramente di animali di taglia superiore, quali volpi o coyote (anche se in letteratura è descritto un attacco perfino ad un cucciolo di orso). Nel caso del cervo del Giappone, gli esperti parlano di predazione opportunistica, per definizione un evento assai raro, e non credono che questo fenomeno possa avere alcuna influenza significativa sulle dinamiche di popolazione del mammifero.

Crediti immagine: Rocky, Wikimedia Commons

Andrea Romano
Biologo e giornalista scientifico, lavora come ecologo all'Università degli Studi di Milano, dove studia il comportamento animale. Scrive di animali, natura ed evoluzione anche su Le Scienze e Focus D&R. Dal 2008, è caporedattore di Pikaia - portale dell'evoluzione

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: