CRONACA

Un interruttore per la riforestazione è possibile?

Swiss_National_Park_131CRONACA – Nutrire una popolazione mondiale in crescita e riuscire al contempo a rallentare o invertire la deforestazione globale può essere possibile solo se convogliamo i nostri sforzi verso un aumento delle rese agricole e una diminuzione del consumo alimentare pro-capite. Tutto nei prossimi 100 anni. Questo è quello che emerge da uno studio pubblicato di recente su PLoS ONE ad opera di Chris Pagnutti, Chris Bauch e Madhur Anand dell’Università di Guelph, in Canada, i quali hanno messo a punto un modello matematico per descrivere l’andamento storico dei consumi alimentari globali e dell’utilizzo del territorio nel corso dei secoli.
Per prevedere l’evoluzione delle foreste a livello globale, gli scienziati hanno infatti utilizzato diversi secoli di dati riguardanti l’uso del suolo a livello mondiale, raccolti dalla FAO (Food and Agriculture Organization of the United Nations) e da altre fonti. Questi dati sono stati poi incorporati nel modello matematico considerando tre fattori chiave: la resa agricola , il consumo pro capite di cibo , e la variazione della popolazione mondiale nel corso del tempo. Sulla base delle tendenze storiche, il modello matematico ha mostrato che il crescente consumo di cibo ha superato l’aumento dei rendimenti agricoli, prevedendo come conseguenza un’ulteriore diminuzione del 10% della copertura forestale globale, fino a raggiungere circa il 22 % del totale nel corso del prossimo secolo.

A meno di nuovi progressi tecnologici che aumentino i rendimenti, o che vengano messe a punto nuove strategie per ridurre il consumo di alimenti, la possibilità di un “interruttore” per la riforestazione globale resta però secondo gli scienziati ancora improbabile. Al contrario, in uno scenario alternativo in cui la produzione e il consumo alimentare si stabilizzassero sui valori sperati entro i prossimi 70 anni, la riforestazione potrebbe pian piano aumentare, fino a coprire il 35 % del nostro pianeta. La novità di questo modello matematico è quindi l’aver fornito una serie di linee guida quantitative che dimostrano esattamente quali benefici potrebbero portare alle foreste del nostro pianeta l’aumento delle rese agricole e la diminuzione dei consumi pro capite.

Per raggiungere i numeri sperati – suggeriscono infine i ricercatori –  è necessario orientare gli nostri sforzi in tre direzioni:  aumento della resa agricola , diffusione delle nuove tecnologie anche ai paesi in via di sviluppo , e infine riuscire finalmente a diminuire il consumo alimentare pro capite, riducendo così le pressioni di uso del territorio.

Crediti immagine: Hansueli Krapf, Wikimedia Commons

Cristina Da Rold
Giornalista freelance e consulente nell'ambito della comunicazione digitale. Soprattutto in rete e soprattutto data-driven. Lavoro per la maggior parte su temi legati a salute, sanità, epidemiologia con particolare attenzione ai determinanti sociali della salute, alla prevenzione e al mancato accesso alle cure. Dal 2015 sono consulente social media per l'Ufficio italiano dell'Organizzazione Mondiale della Sanità. Il mio blog: www.cristinadarold.com Twitter: @CristinaDaRold

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: