AMBIENTEULISSE

A colpi di colore

800px-Yemen_Chameleon_(cropped)AMBIENTE – Ci sono animali che si affrontano a colpi di corna, altri mordendosi e altri ancora esibendosi in maestosi comportamenti per spaventare gli avversari. Molto spesso, però, la competizione tra membri della stessa specie si gioca a colpi di colore, in particolare per quanto riguarda la conquista delle femmine da parte dei maschi. In questo contesto, i display di corteggiamento basati su sgargianti colorazioni, oggetto di forte selezione sessuale, sono spesso statici. Le penne degli uccelli e le scaglie dei pesci, ad esempio, non mutano colore velocemente, agendo infatti come indicatori attendibili delle qualità individuali nel lungo termine.

Alcuni animali, però, manifestano colori dinamici e variabili nel tempo: i camaleonti, ad esempio, sono infatti in grado di modificare in tempi rapidissimi le proprie livree, restringendo ed allargando gruppi di specifiche cellule della pelle portatrici di pigmenti colorati: i cromatofori. Uno studio su Biology Letters, condotto sul camaleonte velato (Chamaeleo calyptratus), ha recentemente mostrato come questa estrema variabilità cromatica sia fondamentale nel determinare l’esito delle interazioni aggressive tra membri della stessa specie.

Quando due maschi si fronteggiano per l’accesso ad un territorio o ad una femmina, infatti, i loro colori diventano molto più brillanti ed intensi. Inoltre, in questo incruento duello, ogni parte del corpo gioca un ruolo comunicativo fondamentale per decretare il vincitore, quello che riuscirà a far indietreggiare l’avversario. Nella maggior parte dei casi, infatti, lo scontro si limita a schermaglie a colpi di colore, con il maschio che manifesta le strisce laterali del corpo dalle tonalità più accese che spesso risulterà prevalere sull’avversario. Lo stesso vale per il rapido mutamento dei colori della testa, anch’esso carattere associato ad una maggiore aggressività e, di conseguenza, a superiori chances di vittoria. Solo poche volte, invece, il duello a distanza si trasforma in uno scontro fisico, della durata di 5-15 secondi, il cui esito è già praticamente definito in partenza: anche in questo caso, solitamente, il maschio più colorato è quello che alla fine del combattimento avrà la meglio.

Le livree variabili dei camaleonti, sia prese nel loro insieme che nelle singole parti, sono quindi state plasmate dalla selezione naturale in modo tale da veicolare diversi tipi di informazioni riguardo le intenzioni aggressive e le abilità individuali nello scontro fisico.

Crediti immagine: Chiswick Chap, Wikimedia Commons

Andrea Romano
Biologo e giornalista scientifico, lavora come ecologo all'Università degli Studi di Milano, dove studia il comportamento animale. Scrive di animali, natura ed evoluzione anche su Le Scienze e Focus D&R. Dal 2008, è caporedattore di Pikaia - portale dell'evoluzione

2 Commenti

  1. Ecco il commento inviato a Biology Letters:
    “No-local Realm and rapid, symultaneous Communication in biological Systems.
    Sergio Stagnaro, Director Quantum Biophysical Semeiotics Research Laboratory
    and Simone Caramel, Marco Marchionni.
    Quantum Biophysical Semeiotics Research Laboratory.

    In our opinion, to explain the communication function of rapidly changing colours (as in chameleons and cephalopods) it is unavoidable to think of the existence of non-local realm, alongside the local one, in biological systems, discovered and described by one of us (1-3).
    References 1) Stagnaro Sergio. Non Local Realm. Response to Selection for Social Signalling Drives the Evolution of Chameleon Colour Change. (01 February 2008). http://www.plos.com, http://biology.plosjournals.org/perlserv/?request=read- response&doi=10.1371/journal.pbio.0060025 ;
    2) Stagnaro Sergio. Role of NON-LOCAL Realm in Primary Prevention with Quantum Biophysical Semeiotics. http://www.nature.com, 01 Feb, 2008-05-17 http://www.nature.com/news/2008/080130/full/451511a.html ;
    3) Sergio Stagnaro. Dall’Esperimento di Lory alla Diagnostica Psicocinetica. Ruolo fondamentale della Realt? Non Locale in Biologia. http://www.fcenews.it, gennaio 2010. http://www.fceonline.it/images/docs/lory.pdf .

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: