lunedì, Luglio 22, 2019
ricerca

Il topo è paterno se gli spegni il sensore per i feromoni

185092747_9c240a557e_z

RICERCA – I topi mostrano comportamenti chiari e piuttosto stereotipati nei confronti dei piccoli: se sono maschi vergini, attaccano i cuccioli. Se sono femmine o maschi che hanno già fatto esperienze sessuali, allora diventano materni e paterni e si occupano della cura dei cuccioli.

Stando a uno studio appena pubblicato su Nature, il comportamento genitoriale (nei topi) si modifica attraverso l’esperienza sessuale e l’aggressività mostrata dai maschi vergini è indotta dall’attivazione dell’organo vomeronasale, che funziona come un sensore per i feromoni, inviati anche dai neonati. Perciò se, come hanno fatto i ricercatori delle università di Harvard e di Ginevra, si inibisce il lavoro di questi circuiti e la loro capacità di “sentire” i feromoni, allora l’aggressività si placa e i topi vergini mostrano atteggiamenti paterni nei confronti dei più piccoli.
I ricercatori hanno anche indagato sul ruolo della galanina – un neuropeptide che svolge il ruolo di neurotrasmettitore – e hanno scoperto che la diminuzione indotta dei neuroni che esprimono la galanina fa aumentare l’aggressività nei confronti dei cuccioli da parte dei topi vergini e fa diminuire le cure parentali da parte di maschi e femmine già accoppiati. Se, invece, i neuroni vengono sottoposti a stimolazione luminosa succede l’esatto opposto. Sarà così anche per l’uomo?

 

Crediti immagine: BRAYDAWG, Flickr

Sara Stulle
Libera professionista dal 2000, sono scrittrice, copywriter, esperta di scrittura per i social media, content manager e giornalista. Seriamente. Progettista grafica, meno seriamente, e progettista di allestimenti per esposizioni, solo se un po' sopra le righe. Scrivo sempre. Scrivo di tutto. Amo la scrittura di mente aperta. Pratico il refuso come stile di vita (ma solo nel tempo libero). Oggi, insieme a mio marito, gestisco Sblab, il nostro strambo studio di comunicazione, progettazione architettonica e visual design. Vivo felicemente con Beppe, otto gatti, due cani, quattro tartarughe, due conigli e la gallina Moira.

3 Commenti

  1. Sarà così anche per l’uomo? Desmond Morris, non ricordo in quale suo libro, scrive che al maschio (umano) senza figli, la vista di bambini piccoli dà restrizione delle pupille, come per escluderli. Se invece ha dei figli, le pupille si dilatano anche con bambini non suoi. Nella femmina umana, invece, le pupille si allargano sempre, che abbia o meno figli.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: