Far lezione troppo presto compromette l’apprendimento

11285590136_5eff8525b4_b

SCOPERTE – Il mattino avrà anche l’oro in bocca, ma se si parla di apprendimento è tutta un’altra storia. Una ricerca pubblicata sul Journal of Educational Psychology ha scoperto che gli studenti di ceto medio e alto delle scuole elementari hanno performance peggiori quando iniziano le lezioni molto presto al mattino. Risultati mediocri, più assenze e calo dell’attenzione.

I ricercatori dell’Università del Kentucky si aspettavano un risultato simile, ma pensavano fosse maggiormente circoscritto al ceto basso, identificato in questo caso nei bambini che usufruiscono di prezzi agevolati alla mensa scolastica o vi hanno accesso gratuitamente. Dalla ricerca è emerso invece l’opposto, e secondo gli scienziati la motivazione va cercata nel fatto che i bambini più svantaggiati sono, a prescindere dagli orari di inizio delle lezioni, già soggetti a numerosi altri fattori di rischio.

La ricerca ha elaborato i dati raccolti in 718 scuole elementari pubbliche del Kentucky, valutando le performance scolastiche in base a un test standardizzato, che copriva i vari ambiti di studio dalla lettura alla matematica, dalle materie scientifiche all’educazione civica. Gli scienziati hanno inoltre tenuto in considerazione il tasso di presenza alle lezioni e il rapporto tra il numero di studenti e quello degli insegnanti nelle scuole. “La relazione tra gli orari più mattinieri e le performance mediocri può essere spiegata con le conseguenze fisiche, comportamentali e psicologiche della privazione del sonno”, spiegano gli scienziati. “Gli studenti possono, perciò, perdere la capacità di rimanere attenti e concentrati in classe”. Se i bambini non dormono abbastanza, inoltre, possono alzarsi la frequenza e la gravità delle patologia che li colpiscono.

Un’altra scoperta inaspettata, spiega il team di scienziati, sono stati i voti più alti ottenuti dagli studenti che ripetevano gli anni scolastici in scuole in cui le lezioni iniziavano più tardi. “Per quanto ne sappiamo, si tratta del primo studio che esamina il rendimento degli studenti in relazione all’orario di inizio delle lezioni. Per questo è complesso trarre conclusioni definitive dalla scoperta”, spiega Peggy Keller, leader del team di scienziati. “In ogni caso, basandosi sul fatto che gli altri indicatori delle performance scolastiche aumentavano iniziando le lezioni più tardi, una possibile spiegazione è che una volta che lo studente medio inizia a migliorare, quelli che hanno difficoltà nell’apprendimento fanno fatica a mantenere lo stesso ritmo”.

Crediti immagine: reynermedia, Flickr

Informazioni su Eleonora Degano ()
Giornalista pubblicista, traduttrice e science writer. Collabora con varie realtà come National Geographic Italia, OggiScienza, IN3D dove scrive soprattutto di etologia e cognizione animale e si occupa di copywriting scientifico. Nel 2016 ha vinto il Premio Giornalistico Riccardo Tomassetti - Premio Speciale in Virologia e nel 2017 il premio giornalistico "SID- Diabete Ricerca" promosso dalla Società Italiana di Diabetologia

1 Commento su Far lezione troppo presto compromette l’apprendimento

  1. Claudio Casonato // 30 giugno 2014 alle 14:44 // Rispondi

    L’ha ribloggato su bUFOle & Co..

1 Trackback / Pingback

  1. Un nuovo meccanismo collega la plasticità sinaptica all’apprendimento – OggiScienza

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: