SCOPERTEULISSE

Un bisonte di 9.300 anni fa ritrovato tra i ghiacci

Il ritrovamento di una mummia di bisonte della steppa apre la strada a nuovi studi sull'estinzione di questa specie

591px-AltamiraBisonSCOPERTE – Una mummia congelata di un bisonte di 9.300 anni fa. Il ritrovamento è stato annunciato  durante il meeting della Society of Vertebrate Paleontology, evento annuale tenutosi questo novembre a Berlino.

I resti congelati dell’animale, un bisonte della steppa estinto (Bison priscus), sono stati rinvenuti in Siberia nel 2011 da una tribù nomade. Non si tratta in realtà che dell’ultimo ritrovamento di una lunga serie: nel 1979, per esempio, negli Stati Uniti alcuni minatori trovarono un esemplare di questa specie in buone condizioni di conservazione, vissuto 36.000 anni fa. Quell’animale fu chiamato Blue Babe per via del colore della sua carne, leggermente azzurrino.

Ma se Blue Babe era ben conservato, il bisonte appena ritrovato ha uno stato di conservazione quasi perfetto.

Secondo Olga Potapova, curatrice del Mammoth Site of Hot Springs in Sud Dakota, “di solito, le mummie di grossi mammiferi ritrovate in America del Nord e in Siberia non sono altro che carcasse parziali, rovinate dalle decine di migliaia di anni nel permafrost”. In questo caso, invece, anche gli organi interni del bisonte si sono conservati bene, al punto che gli scienziati dello Yakutian Academy of Sciences hanno potuto estrarre campioni di tessuti.

“In questo caso – continua Potapova – ci troviamo davanti una mummia unica per il suo stato di conservazione”.

Nonostante questo, i ricercatori non sono riusciti a estrarre DNA dagli organi dell’animale; è stato però recuperato il DNA mitocondriale di alcuni parassiti del fegato, dei polmoni e dell’intestino. Ora la mummia è conservata al Yakutian Academy of Sciences e sarà possibile, come afferma Natalia Serduk, ricercatrice della Russian Academy of Sciences di Mosca, determinare con maggior precisione la datazione del reperto.

Il ritrovamento e le ricerche condotte sulla mummia sono di estrema importante per determinare il motivo dell’estinzione del bisonte della steppa, probabile antenato dei bisonti europei e americani: come ricorda Potapova “anatomia, fisiologia e genetica ci forniscono ottime informazioni su habitat, comportamento e abitudini del bisonte”.

@FedeBaglioni88

Pubblicato con licenza Creative Commons Attribuzione-Non opere derivate 2.5 Italia.

Crediti immagine: Rameessos, Wikimedia Commons

 

Federico Baglioni
Biotecnologo curioso, musicista e appassionato di divulgazione scientifica. Ho frequentato un Master di giornalismo scientifico a Roma e partecipato come animatore ai vari festival scientifici. Scrivo su testate come LeScienze, Wired e Today, ho fatto parte della redazione di RAI Nautilus e faccio divulgazione scientifica in scuole, Università, musei e attraverso il movimento culturale Italia Unita Per La Scienza, del quale sono fondatore e coordinatore. Mi trovate anche sul blog Ritagli di Scienza, Facebook e Twitter @FedeBaglioni88

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: