IL PARCO DELLE BUFALE

Ottavo: non passare sotto silenzio una falsa denuncia

Vaccini antitetano per la sterilizzazione in Kenya? Il ritorno di una vecchia bufala.

PRESS STATEMENT

IL PARCO DELLE BUFALE – Con l’alto senso morale e civico che caratterizza la sua lotta contro ogni scienza, il dott. Enzo Pennetta diffonde l’allarme contro una vaccinazione antitetanica in corso in Kenya.

Mentre prosegue l’epidemia di Ebola e la ricerca su possibili vaccini, il faro del creazionismo italiano rilancia le accuse di medici cattolici e della conferenza dei vescovi kenioti sulla presunta sterilizzazione forzata delle donne incinte, con il pretesto di proteggerle dal tetano insieme al nascituro.

La notizia è passata sotto silenzio (almeno al momento attuale), se si eccettuano alcune testate di grandezza non primaria come ad esempio Tempi

Il Parco si dissocia dal giudizio sul prestigioso organo di Comunione e Liberazione

Kenya. Medici e vescovi denunciano l’Oms. «Il loro vaccino anti tetano serve a sterilizzare oltre due milioni di donne». (…) Nel caso del Kenia le autorità portano oggi a loro difesa il fatto che il vaccino è stato approvato sia dall’OMS che dall’UNICEF, spostando ancora una volta l’attenzione sul vaccino e non sulla sua denunciata contaminazione con l’ormone Hcg.

L’ormone  (non anticoncezionale) era usato in un vaccino anticoncezionale che durante gli esperimenti clinici di fase II negli anni Novanta è risultato inadatto.

Data l’importanza delle istituzioni coinvolte è doveroso che sia fatta chiarezza su questa vicenda perché si aprono solo due possibilità:

– La denuncia è falsa, e allora la Chiesa cattolica del Kenia sta mettendo a rischio la salute di un’intera popolazione

e commette un peccato veniale, tanto muoiono per prime le donne e i bambini,

– La denuncia è vera, e allora l’OMS e l’ONU sono responsabili di un gravissimo crimine contro la popolazione del Kenia.

Se la vicenda sarà invece insabbiata avremo comunque avuto una risposta che non sarà difficile interpretare.

Come sanno anche i lettori dei blog cattolici kenioti, è stata fatta chiarezza quando una suora filippina mise in giro la bufala nel 1992. E non esiste ancora alcun vaccino anticoncezionale. La denuncia è falsa e il dott. Pennetta, che non risulta essere la Chiesa cattolica né del Kenia né del Kenya, ha commesso un peccato veniale o mortale?

Pubblicato con licenza Creative Commons Attribuzione-Non opere derivate 2.5 Italia.   
Crediti immagine: comunicato stampa della KCCB, con preghiera di pubblicazione

3 Commenti

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: