IL PARCO DELLE BUFALE

Chiamiamole emozioni

Il cambiamento climatico in Florida, dove le assicurazioni temono di investire e al Dipartimento per la Protezione Ambientale "riscaldamento globale" non si può dire

IL PARCO DELLE BUFALE – In Florida un’ingegnosa decisione dell’amministrazione pubblica ha allontanato dagli occhi e dal cuore alcune parole che potrebbero scoraggiare l’acquisto di residenze in riva al mare.

Fra tutti gli Stati dell’Unione, la Florida è la più minacciata dall’innalzamento del livello del mare dovuto alla fusione dei ghiacciai e all’espansione termica degli oceani. La parte sud-est, più ricca e turistica che comprende Miami e altre 34 città costiere, è già soggetta ad alluvioni protratte, al punto che alcune compagnie di assicurazioni preferiscono cercare clienti altrove. L’anno scorso il National Climate Assessment calcolava che erano a rischio di inondazione $130 miliardi di beni immobiliari. Il World Resources Institute li stimava in $38 miliardi per la sola contea di Miami-Dade e forniva anche l’etnia degli loro abitanti, in stragrande stragrande maggioranza “caucasica”. Ispanici, asiatici e afro-americani si possono permette meno residenze sul mare e partecipano meno alle elezioni, il che spiega gli sforzi della contea di Miami-Dade per mitigare i danni. Come usa dire il sindaco di Miami,

L’innalzamento del mare è la nostra realtà. Il tempo discutere dell’esistenza o meno dei cambiamenti climatici è finito, ora ci concentriamo su come adattarci ai pericoli attuali e futuri.

Il governatore della Florida Rick Scott non la pensa allo stesso modo. Era solito negare che le attività umane potessero influire sul clima, ma dalla sua campagna per la rielezione, preferisce dire “non sono uno scienziato, non ho idea”. Strano, il Florida Center for Investigative Reporting ha scoperto che dall’inizio del suo primo mandato, nel 2011, è vietato a dipendenti e consulenti del Dipartimento per la Protezione Ambientale usare i termini “cambiamenti climatici” e “riscaldamento globale” in ogni comunicazione, mail e rapporto ufficiale.

Il 9 marzo il governatore Scott ha affermato in una conferenza stampa di non aver mai ordinato nulla del genere. Alcuni cittadini della Florida si sono subito messi alla ricerca di “cambiamenti climatici” e “riscaldamento globale” nella documentazione del Dipartimento. Per ora hanno trovato “Climate Change” nel Programma per la conservazione, non delle proprietà immobiliari, ma delle barriere coralline, anche se nelle pagine iniziali non è indicato da alcun link:

Processi sia naturali che antropogenici (man-made) contribuiscono a cambiamenti nelle tendenze meteorologiche globali, quali temperatura, pioggia, neve e vento. Questi cambiamenti sono stati osservati durante tutta la storia della Terra, ma con la rivoluzione industriale e l’esplosione della popolazione umana, aumenti nell’intensità dei cambiamenti climatici associati alle attività umane sono stati riferiti con maggior frequenza.

Poteva andare peggio. Nel 2012 in North Carolina, altro stato sull’Atlantico, la maggioranza repubblicana ha limitato per legge l’innalzamento del livello del mare e vietato ogni intervento per mitigare i danni fino al 1 luglio 2016.

Pubblicato con licenza Creative Commons Attribuzione-Non opere derivate 2.5 Italia.   
Crediti immagine: NOAA/Public Domain

3 Commenti

  1. Renato segnala un altro esempio:

    Bella esperienza assistere in diretta al formarsi della Neolingua:

    … un legislatore [Virginia, USA] ha chiamato l’aumento del livello del mare “un termine di sinistra”. La frase politicamente accettabile in Virginia è invece “alluvione ricorrente”.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: