ricerca

Analisi genetiche sul campo

Il MUSE di Trento ha sviluppato il prototipo di DNA Field Lab, un laboratorio portatile da campo con molte possibilità di applicazioni future

 

RICERCA – Al MUSE di Trento è stato presentato Expedition Genomics Lab, un progetto che permette il sequenziamento del DNA direttamente sul campo e in tempo reale.

I ricercatori del MUSE e dell’Università di Verona, in collaborazione con Oxford Nanopore Technologies e Biodiversa, hanno sviluppato il kit DNA Field Lab per studiare la diversità biologica in quelle aree del pianeta che non sono dotate di infrastrutture dedicate all’analisi genetica, come per esempio sulla montagna di Rungwe in Tanzania, dove attualmente sono in missione alcuni ricercatori del museo trentino. Durante la conferenza stampa di ieri, i ricercatori hanno effettuato in diretta (qui il video) il sequenziamento del DNA di una rana grazie a un piccolo prelievo di sangue.

Il kit permette l’estrazione del DNA fuori dal canonico ambiente di laboratorio e contiene versioni ideate per l’utilizzo sul campo, e a temperatura ambiente, della strumentazione e dei reagenti necessari all’estrazione, purificazione, amplificazione e sequenziaento del DNA.

“DNA Field Lab” dice Michele Menegon, del MUSE “porta nelle zone a maggiore biodiversità del pianeta la possibilità di misurare il valore biologico di un’area, dal livello di specie a quello di molecola, consentendo quindi di calibrare gli investimenti per la conservazione sulla base della storia evolutiva degli organismi. Un passo fondamentale in un momento in cui i fondi necessari alla salvaguardia della diversità della vita del nostro pianeta non sono sufficienti”.

Se è nato per lo studio della biodiversità, il kit DNA Field Lab ha molte possibili applicazioni sul campo, in tutte quelle situazioni nelle quali è difficile avere accesso a un laboratorio attrezzato per l’analisi genetica e gli esempi di possibili applicazioni vanno dalla medicina ai controlli doganali, fino alle analisi sulla sicurezza alimentare.

@LivingstoneSPA

Leggi anche: Alla scoperta delle Galapagos africane: un angolo di Tanzania al MUSE

Pubblicato con licenza Creative Commons Attribuzione-Non opere derivate 2.5 Italia.   
Crediti immagine: MUSE

Livia Marin
Dopo la laurea in fisica presso lʼUniversità di Trieste ho ottenuto il Master in Comunicazione della Scienza della SISSA. Sono direttrice responsabile di OggiScienza dal 2014 e, oltre al giornalismo, mi occupo di editoria scolastica.

1 Commento

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: