IL PARCO DELLE BUFALE

Gli eroi dell’omeopatia

In Germania, 29 omeopati, naturopati e terapeuti alternativi colti in flagranza di raptus sono in cura dai sicari di Big Pharma. Si salveranno?

IL PARCO DELLE BUFALE – La polizia brancola tuttora nel buio e la custode vuol aiutarla prima che accada l’irreparabile.  Come i lettori sanno, nel tardo e soleggiato fine pomeriggio del 5 settembre, omeopati, naturopati e altri diversamente medici si sono riversati fuori dal centro conferenze della ridente cittadina di Handeloh, in preda a convulsioni, crampi, allucinazioni e delirio. Un collega ancora in sé ha chiamato l’equivalente del 115. Sono arrivati i pompieri e davanti a tante donne e uomini che rotolavano sul prato gridando frasi sconnesse, hanno chiamato rinforzi: 15 ambulanze e un numero imprecisato di elicotteri.

La risposta è stata rapida ed efficace. L’Associazione tedesca degli omeopati ha rassicurato i propri iscritti, non aveva sponsorizzato il week-end che stava facendo una pubblicità sgradita a una gloriosa disciplina. Il Ministero della Sanità ha rassicurato la cittadinanza, era soltanto un’intossicazione da sostanze psicotrope, ingerite senza conoscerne gli effetti.

I media locali, italiani e internazionali seguivano da vicino il decorso che sconvolgeva omeopati, naturopati e altri diversamente medici nonché interi continenti. Nel frattempo gli ignobili venduti a BigPharma infliggevano ai ricoverati trattamenti allopatici iniqui: una vittima sequestrata in una clinica vicino ad Amburgo veniva addirittura legata al proprio letto con il pretesto che ogni tanto si alzava per picchiare altri degenti.

Invece di un’innocua sostanza naturale quale arsenico, cicuta o Uranio nitrico Boiron, rivelavano i quotidiani, le vittime avevano assunto un prodotto dell’aborrita sintesi chimica, anfetamina, LSD e/o Aqua Rust, senza neppure diluirlo 200 volte in acqua distillata perché essa ne conservasse soltanto la memoria quantistica.

Tentata strage? Secondo Healthnut (1), BigPharma ha tentato di avvelenarli per impedire a Marco Ruggiero, e seguaci non ancora assassinati, di curare cancro, Alzheimer, autismo ecc. con il suo yogurt (2).

esperimento che cambierà la storia della medicina e dell’umanità? Edzard Ernst, che studia pratiche ed effetti di terapie molto alternative, si chiede se quegli omeopati riceveranno il premio Nobel. Ipotizziamo, scrive il prof. Ernst

che abbiano fatto una prova omeopatica con l’Aqua Rust. In questo caso sono i miei eroi! Non solo perché hanno sacrificato la propria salute nell’interesse della medicina, ma perché sembrano avere scoperto una cura importante, direi  addirittura rivoluzionaria.  La prima legge dell’omeopatia recita: il simile cura il simile.

Proprio dopo aver ingerito l’Aqua Rust infatti, gli intrepidi pionieri si sono messi a vaneggiare:

Stando alle regole dell’omeopatia, la droga da loro assunta può essere diluita e succussa molte volte e pertanto abbiamo una cura contro… che cosa? (…) La principale caratteristica dell’omeopatia è che i suoi fautori vaneggiano, quindi la somministrazione del nuovo rimedio li curerà. Semplice!

Perciò meriterebbero il Nobel per la Medicina, conclude il prof. Ernst. La custode dissente con un vigore che quasi le stacca il toupet. Una goccia di Aqua Rust in ogni sorgente liberebbe l’umanità da vaneggiamenti ben peggiori: premi Nobel tutti e subito.

(1) Non sono ammessi giochi di parole su “nut”.

(2) Il nesso è chiaro solo ai “nuts”.

Leggi anche: Mitopoiesi climatica: una lettura per i negazionisti del clima

Pubblicato con licenza Creative Commons Attribuzione-Non opere derivate 2.5 Italia.   
Crediti immagine: Twitter da @BILD_Hamburg

3 Commenti

  1. Aldous Uxley sarebbe inorridito vedendo che certi naturopati che vorrebbero mascherare l’effetto placebo dell’omeopatia a vera cura, poi usando dosi superiori a 5 mg di acquarust vanno a finire in ospedale.
    Gli effetti descritti da Uxley con la mescalina facevano parte di uno studio serio sulle droghe mentre questi signori chissà quali rive e derive hanno in mente. Dico a tutti coloro che leggeranno di non farsi illusioni con le droghe. Con le DROGHE SI MUORE. Nel mio laboratorio di chimica ho visto migliaia e migliaia di sostanze chimiche che anche se assunte in quantità minime possono rivoltare il cervello ma non ho mai avuto la necessità o il desiderio di assaggiarne una. Come è possibile che un polverina possa diventare un mito, possa sostituirsi anche alla capacità di riflettere e pensare?. Buttate nel cesso la pilloletta che il vostro “amico” vi ha dato in discoteca. Diventerete più forti.
    Vogliamo capire una buona volta che il nostro corpo è un miracolo di equilibri chimici e che basta pochissimo per alterare tale equilibrio e talvolta tale alterazione è IRREVERSIBILE.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: