Le molte facce del Natale

Non solo famiglie felici, colori festosi e regali: durante le feste c'è anche chi guadagna solo stress e sconforto.

6847424641_09d21ee954_z

WHAAAT? Il venerdì casual della scienza – Mentre alcuni fanno l’albero cantando Michael Bublé a squarciagola e altri impacchettano per Natale le conquiste del Black Friday, c’è da dire che non per tutti le feste sono occasione di gioia, zucchero e felicità. Anzi, dice dalla Germania Michael Mutz della Georg-August-Universität Göttingen, che ne parla sulla rivista Applied Research in Quality of Life: ci sono persone che tra una renna e l’altra vedranno crollare la loro qualità della vita, stressate e sconfortate per i motivi più vari. Dalla prospettiva di una reunion di famiglia forzata alle difficoltà economiche, passando per il consumismo, ognuno ha i suoi motivi per amare o odiare il Natale. Ma c’è un’eccezione che esula del tutto da questo quadro e sono i cristiani, in particolare le persone molto religiose.

I dati analizzati da Mutz vengono dall’European Social Survey (ESS) che ha coperto 11 Paesi europei storicamente cristiani: Belgio, Estonia, Germania, Ungheria, Irlanda, Paesi Bassi, Portogallo, Spagna, Svezia e Regno Unito. Il sondaggio ha coperto moltissimi aspetti della quotidianità: educazione, lavoro, valori morali e sociali, fiducia nelle istituzioni, rapporto con i media, identità etnica, nazionale e religiosa e via dicendo.

Mutz  si è concentrato sulla sezione che aveva indagato il benessere delle persone, chiedendo loro “Quanto sei soddisfatto della tua vita? Come valuteresti il tuo stato emotivo?”. Gli intervistati sotto Natale erano molto più infelici e colmi di emozioni negative rispetto alle persone che hanno partecipato in altri momenti dell’anno. Un alto livello di educazione o la presenza di bambini in casa, tuttavia, sembrava rendere più semplice la gestione delle festività.

Eppure no, precisa Mutz, le persone cristiane non sono immuni all’effetto del Natale sull’emotività: semplicemente ne risentono molto meno rispetto ai non religiosi. “Quelle con un forte senso religioso celebrano il Natale in modo diverso rispetto alla maggioranza dei non-cristiani. Potremmo dire che è meno probabile si facciano assorbire dal consumismo che precede le festività”, commenta il ricercatore. “Una sorta di fattore protettivo contro il declino del benessere generale all’avvicinarsi del Natale”.

Le preoccupazioni, in ogni caso. non cambiano molto tra una persona e l’altra: tutti siamo impegnati in un rush finale alla ricerca di regali, ci sentiamo oppressi dalla socialità obbligata delle feste e non mancano le preoccupazioni economiche. Festeggiare e comprare presenti, organizzare pasti elaborati, magari raggiungere i familiari lontani con un aereo: tutto questo ha un suo costo, e poterlo affrontare più o meno serenamente cambia del tutto la percezione del Natale.

@Eleonoraseeing

Leggi anche: Albero di Natale, come fare una scelta consapevole ed ecosostenibile

Pubblicato con licenza Creative Commons Attribuzione-Non opere derivate 2.5 Italia.   
Crediti immagine: Matteo Paciotti, Flickr

Informazioni su Eleonora Degano ()
Giornalista pubblicista, traduttrice e science writer. Collaboro con varie realtà come National Geographic Italia, OggiScienza, pagina99 dove scrivo di etologia, cognizione animale e zoologia. Nel 2016 ho vinto il Premio Giornalistico Tomassetti - Premio Speciale in Virologia e nel 2017 il premio giornalistico "Il diabete sui media" promosso dalla Società Italiana di Diabetologia

1 Commento su Le molte facce del Natale

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: