Ti tengo d’occhio

Abbattere le barriere anche sulla rete: lo fa il 21enne Vincenzo Rubano, che amplia l'accesso a internet per i non vedenti

santa_maria_di_leuca_2306SENZA BARRIERE – Per alcuni è il “Don Chisciotte della rete”, per altri un vero e proprio ragazzo prodigio. Parliamo di Vincenzo Rubano, studente leccese, classe ’93, che da anni si batte per rendere i contenuti presenti in rete accessibili a tutti, con un’attenzione particolare verso chi non può vedere.

“Tutto è cominciato quando ero sedicenne, sui banchi di scuola dell’istituto Galilei-Costa di Lecce”, racconta Rubano che oggi di anni ne ha ventuno, studia Informatica a Bologna e non ha mai abbandonato la sua missione. “Sperimentando in prima persona la disabilità, so bene quali siano i limiti della rete per i non vedenti. Così, ho deciso di creare una pagina di denuncia per portare il problema all’attenzione di tutti”. In questo modo Rubano segnala i siti, le app e i programmi inaccessibili, inserendoli in una vera e propria lista nera: la “Blind-list”, pubblicata sul sito Ti tengo d’occhio.

Ma l’attività del giovane universitario non si limita a questo. Rubano chiama all’appello tutti gli sviluppatori di pagine e di applicazioni non fruibili, invitandoli a collaborare. “Ciò che faccio è molto semplice: dopo aver individuato i contenuti in questione, descrivo i problemi d’accesso che chi è cieco incontra. I limiti possono essere di vario tipo. Spesso riguardano la struttura del sito, che non consente l’impiego di alcuni software essenziali per i non vedenti. Come gli screen reader, programmi che permettono di ascoltare una pagina web invece di leggerla. In seguito contatto il webmaster, suggerendogli di apportare le dovute modifiche”.

logoLegata a Ti tengo d’occhio, poi, c’è la campagna V4B-Video4Blind. “Ho pensato a un modo per consentire a chiunque di migliorare l’accessibilità dei video pubblicati su piattaforme come YouTube, Dailymotion o Vimeo”, continua Rubano, illustrando come, in modo semplice, si possa contribuire all’abbattimento delle barriere. “I video sono realizzati in gran parte con sequenze di immagini. La comprensione di ciò che passa sullo schermo risulta impossibile per chi non vede. Cambiare le cose è facile: basta aggiungere a qualsiasi video una descrizione, che verrà raccontata proprio grazie allo screen reader. Infine, occorrerà inserire in coda al titolo del video e tra i tag la dicitura V4B, per consentire al non vedente una ricerca immediata di tutti i video resi accessibili”.

L’impegno di Rubano, tuttavia, non si esaurisce qui. “Sono parte del team di NvApple.it, che da anni si occupa di dare un impulso all’informatica legata alla disabilità visiva”. Nello specifico, la squadra – costituita da sei membri tra i quali il più giovane è proprio lo studente leccese – racconta e analizza le evoluzioni tecnologiche della Apple. La casa di Cupertino, infatti, da sempre si  distingue per l’impiego di programmi e di sistemi operativi mirati, studiati per rendere i propri prodotti accessibili a tutti. Se da un lato, dunque, la disabilità resta un problema reale per chi la vive, dall’altro occorre sottolineare che oggi, grazie a strumenti innovativi e in continua evoluzione, si può ricevere un aiuto concreto, come ricorda Rubano. “Se c’è qualcosa che non mi stancherò mai di ripetere è che occorre parlare con le persone, raccontare come si possa davvero dare una mano. Abbiamo l’esigenza fondamentale di creare una cultura della disabilità, soprattutto quando si parla di nuove tecnologie.”

Audio tratto dall’intervista a Vincenzo Rubano, ideatore del sito Ti tengo d’occhio.

@MillyBarba

Leggi anche: L’Altro Spazio: a Bologna il primo locale d’Italia a misura di ogni esigenza

Pubblicato con licenza Creative Commons Attribuzione-Non opere derivate 2.5 Italia.   
Crediti immagine: leucaweb.it, titengodocchio.it

Informazioni su Milly Barba ()
Comunicatrice scientifica, social media manager e speaker radiofonica. Curo la rubrica #SenzaBarriere dedicata al tema disabilità.

2 Commenti su Ti tengo d’occhio

  1. L’ha ribloggato su pietrobarnabee ha commentato:
    Un’attività, questa, utilissima.
    Buona lettura :).

2 Trackbacks / Pingbacks

  1. +LAB: stampanti 3D, ingegneria e design per abbattere le barriere | OggiScienza
  2. Alimentazione online: un Far West di informazioni – OggiScienza

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: