Il 2016 è l’International Year of Global Understanding

Un'insieme di iniziative in tutto il mondo per mettere a punto strategie locali con una prospettiva globale. Aperta la call per creare un evento vicino a casa tua!

globe-960267_640

SPECIALE GENNAIO – L’International Council for Science (ICSU) ha annunciato in questi giorni che il 2016 sarà The International Year of Global Understanding (IYGU), che potremmo tradurre come l’anno internazionale della comprensione globale. Un anno per concentrarsi su un approccio globale ai problemi che affliggono il pianeta, uno per tutti il cambiamento climatico. Un globale che non si contrappone al locale, ma che ne allarga la prospettiva.

Sono ben pochi gli attori sul pianeta che giocano la partita davvero su scala mondiale. La maggior parte di noi può agire e provare a fare la differenza solo su scala locale. L’idea che ICSU cerca di promuovere con questo anno dedicato al Global Understanding è molto semplice: cerchiamo di non guardare solo nel nostro giardino, ma di considerare come il nostro operato si inserisce nelle dinamiche mondiali. Non si tratta dunque di una questione politica o socioeconomica, ma umana. “Global understanding is an essential human condition of the 21st Century” si legge nella home page del sito web dedicato all’iniziativa, ovvero “la comprensione globale è una condizione umana essenziale del ventunesimo secolo”.

Slogan a parte, l’attenzione sarà focalizzata sullo sviluppo di strategie, eventi, campagne, per la messa a punto di progetti locali attraverso l’intersezione di tre settori: ricerca, istruzione e informazione. Secondo quanto si apprende sul sito web dell’iniziativa, sensibilizzare l’ambito della ricerca dovrebbe portare gli scienziati a riflettere sugli impatti globali delle attività locali quotidiane legate a cultura, società, economia, ambiente. Per quanto riguarda il settore dell’informazione, IYGU coopererà con gli enti locali interessati e con le altre organizzazioni internazionali per la promozione e la condivisione delle conoscenze per sensibilizzare l’opinione pubblica attraverso libri, riviste, videogiochi, programmi televisivi.

Concretamente, la logica di questa iniziativa è anzitutto bottom-up, il che significa che saranno le iniziative dei cittadini e degli enti locali a fare la differenza organizzando un evento sotto l’egida di di IYGU. Gli ambiti di interesse sono molti: si passa dal settore alimentare (parola chiave: surviving) a quello residenziale e lavorativo (parola chiave: urbanizing), alle infrastrutture (belonging), alla comunicazione (interacting), alla gestione dei rifiuti (preserving), fino allo sport e all’intrattenimento (recovering).

Chiunque fosse interessato a sottoporre una propria idea può compilare il modulo relativo all’ambito di interesse presente sul sito dell’iniziativa. Particolarmente incoraggiate saranno le iniziative legate al settore della formazione. Nel sito è presente infatti una sezione dedicata a tutti gli insegnanti che desiderassero partecipare o organizzare un’iniziativa con i propri ragazzi e che raccoglierà nei prossimi mesi materiali informativi.

Le iniziative di IYGU coopereranno inoltre con le iniziative già avviate dalle varie agenzie delle Nazioni Unite. IYGU mira a sostenere per esempio l’attuazione della Dichiarazione di Rio+ 20 e si inserisce all’interno degli obiettivi di sviluppo del Millennio delle Nazioni Unite, i Sustainable Developments Goals. Inoltre, IYGU integrerà i risultati del Decennio ONU dell’Educazione allo Sviluppo Sostenibile (Education for Sustainable Development, ESD) 2005-2014 con un focus sulle modalità attraverso cui tradurre i risultati ottenuti in pratiche quotidiane.

Potete trovare maggiori informazioni sull’iniziativa su questo link.

@CristinaDaRold

Leggi anche: Olio di palma sostenibile: è possibile?

Pubblicato con licenza Creative Commons Attribuzione-Non opere derivate 2.5 Italia.   

Informazioni su Cristina Da Rold (424 Articles)
Freelance (data) journalist and scientific communicator

2 Commenti su Il 2016 è l’International Year of Global Understanding

  1. Cristina Da Rold // 19 gennaio 2016 alle 11:27 // Rispondi

    L’ha ribloggato su Cristina Da Rold.

1 Trackback / Pingback

  1. Vivere sostenibile nell’IYGU: qual è il tuo contributo? – OggiScienza

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: