Italiani e scienza nel 2016: l’annuario di Observa

Pubblicato l’Annuario Scienza Tecnologia e Società 2016: quali strumenti usiamo per informarci sui temi scientifici e sulla tecnologia?

Crediti immagine: DNA Lab, Flickr

ATTUALITÀ – Le competenze scientifiche degli italiani sono in crescita. La TV e la carta stampata superano internet come principali fonti d’informazione. Infatti, tra gli strumenti più utilizzati per informarsi su temi tecno-scientifici rimane al primo posto la tv, al secondo posto troviamo i quotidiani e a seguire i blog o i siti web.

Questi sono solo alcuni dei dati che emergono dal nuovo Annuario Scienza Tecnologia e Società 2016 di Observa – Science in Society. Giunto alla dodicesima edizione, sarà presentato il prossimo 19 febbraio alle 17,30 presso il Circolo dei Lettori di Torino. A diffondere la conoscenza scientifica contribuiscono anche le immagini che nel corso degli anni sono diventate simboli di importanti scoperte e sono entrate nella conoscenza e nel linguaggio comune.

Percentuale di risposte esatte date dagli italiani negli ultimi 9 anni. Le tre domande vengono utilizzate a livello internazionale per misurare il livello di alfabetizzazione scientifica di una nazione. Crediti immagine: Observa-Science in Society, 2016

L’Annuario 2016 è curato da Giuseppe Pellegrini e Barbara Saracino e presenta come di consueto una raccolta, in forma sintetica e accessibile anche a un pubblico non specialistico, d’informazioni e dati provenienti dalle più accreditate fonti nazionali e internazionali, utili per comprendere lo stato e le trasformazioni della ricerca e dell’innovazione nella nostra società, con un focus privilegiato sulla particolare tematica legata alla comunicazione pubblica della scienza e alle attività di terza missione delle Università.

Tra i dati più interessanti emerge il ruolo dei social network come veicolo di informazione su scienza e tecnologia: oltre il 60% degli italiani usa Facebook e YouTube e il 40% utilizza Instagram e Twitter; tra chi frequenta i primi due social network, solo un terzo non ha mai letto o visto contenuti relativi a scienza e tecnologia, mentre tra chi ha un account su Instagram e Twitter la quota supera il 70%.

Molto seguiti anche gli scienziati. Riscuotono grande prestigio Samantha Cristoforetti, Umberto Veronesi e Stephen Hawking; tra gli istituti di ricerca il CERN, il CNR e la NASA hanno grande seguito dal pubblico. Insomma, si tratta di uno strumento per osservare l’evoluzione del rapporto tra scienza, tecnologia e società italiana attraverso dati e analisi fatti da professionisti.

Leggi anche: La nuova cooperazione scientifica tra Iran e Italia

Pubblicato con licenza Creative Commons Attribuzione-Non opere derivate 2.5 Italia.   

Informazioni su Daniela Moretti (6 Articles)
Sono cresciuta sull'Appennino Tosco-Romagnolo. Ho studiato fisica a Bologna. Lavoro a Genova in un laboratorio di ricerca e a Trieste studio divulgazione scientifica tra mostre, musei e video.

2 Commenti su Italiani e scienza nel 2016: l’annuario di Observa

  1. Molto interessante…e strano. A volte leggere alcuni commenti o certi post sui social non si direbbe proprio!! Comunque una buona notizia!

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Segui assieme ad altri 1.435 follower

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: