I radiotelescopi per rilevare le onde gravitazionali

In futuro sarà possibile rilevare le onde a basse frequenze a partire dalle pulsar, le stelle di neutroni ad alta densità

GBT

I dati raccolti dal telescopio Green Bank, in West Virginia, sono stati utilizzati da uno studio del NANOGrav sulle onde gravitazionali. Crediti immagine: Geremia, Wikimedia Commons, Public Domain

RICERCA – La recente rivelazione delle onde gravitazionali durante la fusione di due buchi neri, ognuno con massa circa 30 volte quella del nostro Sole, è avvenuta grazie a uno strumento potentissimo come l’interferometro LIGO (Laser Interferometer Gravitational-Wave Observatory), che da oltre dieci anni ha il compito di osservare le onde gravitazionali previste dalla teoria della relatività.

Un nuovo studio della North American Nanohertz Observatory for Gravitational Waves (NANOGrav) ha mostrato però che le onde gravitazionali a bassa frequenza potrebbero presto essere rilevabili anche con i radiotelescopi esistenti. NANOGrav vede la collaborazione di oltre 60 scienziati e più di dieci di istituti fra Stati Uniti e Canada. Il gruppo utilizza dati acquisiti dal NRAO Green Bank Telescope in West Virginia e dal Arecibo Radio Observatory a Puerto Rico. Nel 2015 la National Science Foundation ha assegnato a NANOGrav 14,5 milioni di dollari per creare e gestire un centro sulla ricerca di frontiera in fisica.

“Rilevare questo segnale è possibile se siamo in grado di monitorare un numero sufficientemente ampio di pulsar sparse in tutto il cielo, e il punto sarà osservare lo stesso tipo di deviazione in tutte loro”, ha affermato Stephen Taylor, autore principale dello studio pubblicato sulla rivista Astrophysical Journal Letters. Il gruppo di ricerca studia da tempo il modo migliore per utilizzare le pulsar, stelle di neutroni ad alta densità che emettono radiazione magnetica, per rilevare i segnali provenienti da onde gravitazionali a bassa frequenza.

“Le onde gravitazionali attraversano costantemente la Terra – ha aggiunto Taylor – e dato il gran numero di pulsar che osserviamo con NANOGrav e grazie alla collaborazione di altre squadre internazionali, ci aspettiamo di ottenere prove chiare dei segnali provenienti da onde gravitazionali a bassa frequenza entro il prossimo decennio.”

@CristinaDaRold

Leggi anche: Onde gravitazionali scoperte: confermata relatività di Einstein

Pubblicato con licenza Creative Commons Attribuzione-Non opere derivate 2.5 Italia.   

Informazioni su Cristina Da Rold (449 Articles)
Freelance (data) journalist and scientific communicator

2 Commenti su I radiotelescopi per rilevare le onde gravitazionali

  1. Cristina Da Rold // 11 marzo 2016 alle 10:18 // Rispondi

    L’ha ribloggato su Cristina Da Rold.

3 Trackbacks / Pingbacks

  1. I radiotelescopi per rilevare le onde gravitazionali  – La Macchina del Tempo
  2. Onde gravitazionali, dall’alert di Ligo verso una nuova fisica – OggiScienza
  3. Ipernuclei e stelle di neutroni al computer – OggiScienza

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: