Neutrino cosmico, il Big Bird dal buco nero nella lontana galassia

È stato osservato nel 2012 dall’esperimento IceCube in Antartide e dal telescopio spaziale Fermi, ma ora una “casa”. Una potente esplosione avvenuta 10 miliardi di anni fa, generata dal buco nero della lontana galassia PKS B1424-418

Il 4 dicembre 2012 alcuni telescopi hanno osservato un neutrino super energetico ma da dove è arrivato? Finora nessuno era riuscito a dare una risposta. Crediti immagine: NASA/DOE/LAT Collaboration

SCOPERTA – Da dove viene il neutrino cosmico scoperto nel 2012 da IceCube e dal telescopio spaziale Fermi? Il “Big Bird“, ribattezzato così per la sua energia da record pari a 2mila milioni di elettronvolt, che ne fa il secondo neutrino più energetico mai rivelato, arriva dalla lontana galassia PKS B1424-418, dove 10 miliardi di anni fa è stato emesso dalla potente esplosione di un buco nero che si trova al centro della sorgente galattica.

La risposta arriva dai ricercatori dell’università di Wuerzburg, in Germania, guidati dall’astrofisico Matthias Kadler, che hanno pubblicato sulla rivista Nature Physics i risultati ottenuti dall’elaborazione dei dati di IceCube, esperimento di rivelazione di neutrini ad altissima energia situato in Antartide, e da quelli del telescopio spaziale Fermi della NASA, che vede la collaborazione degli enti italiani Asi, Inaf e Infn.

IceCube è un esperimento che si trova in Antartide e che punta a rivelare neutrini ad altissima energia. Crediti immagine: IceCube Collaboration

La storia di questo neutrino cosmico inizia 10 miliardi di anni fa, ma solo il 4 dicembre 2012 i telescopi sono riusciti ad osservarlo per la prima volta. La galassia da cui proviene il neutrino cosmico è classificata come una blazar a raggi gamma, un oggetto particolarmente attivo con un nucleo compatto e brillante. Questo eccesso di luminosità della sua regione centrale è prodotto dalla materia che, cadendo nel buco nero, con una massa milioni di volte superiore a quella del nostro Sole, viene riemessa in direzione della Terra.

I dati osservati da IceCube e Fermi sono poi stati analizzati nel programma di osservazione a lungo termine Tanami, che ha iniziato la sua attività nel 2007 e che monitora circa 100 galassie attive, tra cui proprio la galassia identificata dal telescopio della Nasa. L’incrocio dei dati, ha spiegato Kadler, ha permesso di risalire alla sorgente del neutrino cosmico:

“Tenendo conto di tutte le osservazioni, il blazar sembra aver avuto mezzi, movente e opportunità per ‘sparare’ il neutrino Big Bird, per questo motivo è il nostro primo sospettato”.

Tanami è un progetto che monitora circa 100 galassie attive. Ha analizzato i dati provenienti da IceCube e Fermi e ha contribuito a determinare la sorgente del neutrino Big Bird, il neutrino da 2mila milioni di elettronvolt. Crediti immagine: Tanami

Da allora i ricercatori hanno elaborato i dati di questo evento altamente energetico, come spiega Roopesh Ojha, scienziato della Nasa e co-autore dello studio:

“I neutrini sono le particelle fondamentali della fisica più veloci, luminose, non interagenti e poco comprese e solo oggi siamo in grado di rivelare quelli a più alte energie che arrivano dall’esterno della nostra galassia. Il nostro lavoro rappresenta la prima associazione plausibile tra un solo oggetto extragalattico e uno di questi neutrini cosmici””.

Proprio il loro carattere non interagente con la materia circostante e l’altissima velocità prossima a quella della luce fanno dei neutrini delle particelle molto difficili da rivelare, ma allo stesso tempo le uniche in grado di sfuggire da oggetti celesti quali i buchi neri, la cui attrazione gravitazionale è tale da “risucchiare” anche la luce. I neutrini rappresentano ancora oggi per l’astrofisica un tassello chiave per svelare il puzzle dei misteri dell’universo.

@oscillazioni

Leggi anche: Ipernuclei e stelle di neutroni al computer

Pubblicato con licenza Creative Commons Attribuzione-Non opere derivate 2.5 Italia

Informazioni su Veronica Nicosia ()
Aspirante astronauta, astrofisica per vocazione, giornalista di professione. Laureata in Fisica e Astrofisica all'Università La Sapienza, vincitrice del Premio giornalistico Riccardo Tomassetti nel 2012 con una inchiesta sull'Hiv. Lavoro come giornalista per Blitzquotidiano e collaboro con Oggiscienza. Mi occupo di scienza, salute, tecnologia e ambiente.

2 Commenti su Neutrino cosmico, il Big Bird dal buco nero nella lontana galassia

  1. L’ha ribloggato su Fides et Ratio: Vaticanum Observatorium – Scienza e Fede: Specola Vaticana – Science and Faith: Vatican Observatory – Ciencia y Fe: Observatorio Vaticano – Ciência e Fé: Observatório do Vaticano – Science et Foi: Observatoire du Vatican – Wissenschaft und Glaube: Vatikanische Sternwarte – العلم والإيمان: مرصد الفاتيكان – Nauka i Wiara: Watykańskie Obserwatorium Astronomiczne – Wetenschap en Geloof: Vaticaanstad Observatorium – Veda a Viera: Vatikán Hvezdáreň – Věda a Víra: Vatikánu Observatoř – विज्ञान और विश्वास: वेटिकन वेधशाला – 科學與信仰:梵蒂岡天文台 – Наука и Bера: Ватикан Oбсерватория – 科学と信仰:バチカン天文台 – Sains dan Iman: Observatorium Vatikan -Наука і Bіра: Ватикан Oбсерваторія – Bilim ve İnanç: Vatikan Gözlemevi – מדע ואמונה: המצפה הוותיקן – Știință și Credință: Observatorul Vatican – Videnskab og Tro: Vatikanets Observatorium – Επιστήμη και Πίστη: Παρατηρητήριο Βατικανό – Vetenskap och Tro: Vatikanen Observatory – Vitenskap og Faith: Vatikanet Observatory – Tudomány és Hit: Vatikáni Csillagvizsgáló – Shkencë dhe Faith: Observatory Vatikani – Գիտություն եւ Faith Վատիկանի աստղադիտարանի – Science and Faith: Vatikaanin Observatorio – Наука и Вяра: Ватикана Oбсерватория – Наука и Bера: Ватикан Oпсерваторија – Znanost in Vera: Vatikan Observatorij – Znanost i Vjera: Vatikan Opservatorije ha commentato:
    http://www.vaticanobservatory.va

4 Trackbacks / Pingbacks

  1. Quanto è grande il buco nero? Pesa 660 milioni di volte la massa del Sole – OggiScienza
  2. Neutrini astrofisici e l’origine dei raggi cosmici – OggiScienza
  3. La storia del neutrino – OggiScienza
  4. IceCube: alla ricerca del neutrino che non c’è – OggiScienza

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: