L’India ha lanciato il suo shuttle

23 maggio 2016: primo volo di test avvenuto con successo per il veicolo spaziale riutilizzabile made in India

ATTUALITÀ – Dal 2011 lo Space Shuttle, come raccontato dallo scribing di Giulia Rocco, ha smesso di volare. Fin dall’indomani del suo addio, la NASA e le agenzie spaziali più attive, si sono date alla ricerca di un altro veicolo spaziale che, proprio come gli Space Shuttle, sia riutilizzabile. La corsa, alla quale si sono aggiunti anche investitori privati come Elon Musk e il suo Space X, da oggi deve fare i conti anche con RLV-TD, il Reusable Launch Vehicle – Technology Demonstrator, il mini shuttle sviluppato dall’India.

dsb3

Il momento del decollo dal Pad numero 1 di Sriharikota in Andra Pradesh (immagine: India Space Research Organization)

Lanciato con successo dal Pad numero 1 del Satish Dhawan Space Centre di Sriharikota, poco a nord di Chennai sulla costa orientale della penisola indiana, RLV-TD ha raggiunto con successo un’altitudine di 65 km come previsto dalla missione. Da quella quota, il veicolo, privo di equipaggio umano, è rientrato a terra a una velocità di circa Mach 5 superando la difficoltà dell’alta temperatura grazie al proprio Thermal Protection Syste, che ha funzionato perfettamente. Dopo un volo complessivo di 770 secondi, RLV è atterrato come previsto in un’area predeterminata della Baia del Bengala, a 450 km dal punto di lancio. Il punto, in mare, fungeva da pista di atterraggio virtuale, poiché per questo viaggio non era previsto il recupero del velivolo.

4bjs18

RLV-TD sulla cima del razzo HS9 durante le fasi di preparazione del lancio (immagine: India Space Research Organization)

Si tratta di un veicolo prototipo, lungo appena 6 metri e mezzo, e un po’ buffo in cima al razzo HS9 che lo ha portato in cielo. Ma è la dimostrazione che la via tecnologica scelta dagli indiani è concreta e ha un futuro. “I dati raccolti dal lancio saranno determinanti per la configurazione del vero RLV”, ha dichiarato K Sivan, direttore del Vikram Sarabhai Space Centre. Si è trattato della prima volta che l’India è riuscita a far volare e rientrare sulla superficie terrestre un veicolo alato. Nel prossimo futuro, oltre all’analisi dei dati raccolti, c’è lo sviluppo a terra di una vera e propria pista di atterraggio, probabilmente vicino allo Space Center di Sriharikota.

Leggi anche: Un anno nello spazio: il viaggio verso Marte si può fare

Pubblicato con licenza Creative Commons Attribuzione-Non opere derivate 2.5 Italia

Informazioni su Marco Boscolo ()
Science writer, datajournalist, music lover e divoratore di libri e fumetti - @ogdabaum - marcoboscolo.org - datajournalism.it

2 Commenti su L’India ha lanciato il suo shuttle

  1. L’ha ribloggato su Accidentally Thought!e ha commentato:
    The present day space race has a new competitor: India experimental shuttle codename RLV-TD.

    I can’t wait to see the winner and admire new technology that this program will give to all of us!

2 Trackbacks / Pingbacks

  1. Space X: terzo atterraggio riuscito! – OggiScienza
  2. Space X: terzo atterraggio riuscito | Marco Boscolo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: